Momento poetico cilentano, è pettegole rò vico

0

E’ tutto un mormorio; se Domenico Infante con il libro (Cronache del vicolo) ci racconta di un vicolo di Napoli; Marpi 51, con la sua pungente poesia, ci racconta in versi, vita, pensieri e..cattiverie di un vicolo di un paese del Cilento.

Stanno sempe mieza a’ via
o affacciate a nù balcone,
nù tenenno niente a’ fà
è tutti quanti han a’ sparlà.
Vir’a’ chella, s’è n’grassata
nù nc’à fa chù a cammenà,
e chill’ato cà jestema,
sienti quanti “santi fà”
O’ spazzino, mò nù vene,
mò chi ha dà pulizà?
Puro o’ vico s’è spurcato,
tocca a nui è scupà
S’è saputo cà Ndunetta
s’è spartuta cò marito?
N’ato ammore s’è truvata
pecchè o’ primo era fernut.
Tuzzoleano ò portone?
Mò chi sò chist’ati ccà?
Vonno è sordi pà “Maronna”,
qualche cosa l’avimm’a rà
E’pettegole rò vico,
accussì passano u’tiempo,
nù teneno chè penzà,
sulo chelo, sanno fa. (Marpi 51)