SARNO. STRADE POCO SICURE ALLARME DOPO LA TRAGEDIA

0

SARNO. La tragica morte di Nunziatina Albero, la donna di 74 anni travolta ed uccisa giovedì scorso da uno scooter, ripropone ancora una volta il tema della sicurezza sulle strade cittadine. Via Prolungamento Matteotti, così come il resto della città, è nelle mani dei centauri che scorazzano a tutte le ore del giorno e della notte. Complici anche i genitori, che non controllano i loro figli. Ad ogni incidente mortale si dice tolleranza zero, ma poi tutto ritorna come prima. A rompere il silenzio delle istituzioni è il consigliere provinciale Franco Annunziata, che si rivolge alle forze dell’ordine affinché garantiscano una maggiore presenza sul territorio: «La tragedia della signora Albero ripropone in maniera forte, e non più procrastinabile, la questione sicurezza lungo le strade cittadine. Non si può restare indifferenti al cospetto di eventi così tragici, soprattutto quando vengono causati da chi non rispetta le regole del codice della strada. Non è la prima volta che a Sarno si verificano incidenti mortali. Non si può continuare a tollerarlo. E non si può più tollerare che si resti in attesa degli eventi. In qualità di amministratori, abbiamo il dovere di garantire la sicurezza sul territorio, di tutelare i nostri cittadini, attraverso azioni mirate, in piena sinergia con chi deve garantire il rispetto della legge sul territorio». Per l’esponente del Pdl è forte la necessità di una maggiore presenza delle forze dell’ordine in strada. Anche per l’opposizione c’è bisogno di più uomini in divisa sul territorio. «Le forze dell’ordine fanno tanto, ma ci vogliono più uomini in divisa in strada, con un coordinamento vero tra vigili, polizia e carabinieri. É necessario garantire il rispetto della legalità partendo proprio dal rispetto del codice della strada», afferma il consigliere del Pd, Roberto Robustelli. «Abbiamo sequestrato decine di motorini, ma pochi cittadini sono stati solidali con noi» dichiara un carabiniere. Intanto i carabinieri hanno accertato che Vincenzo Vellone, il giovane 25enne che ha investito la signora Albero, guidava sotto l’effetto di droghe leggere.

Antonio Orza IL MATTINO