San Vito Positano – Sorrento, in silenzio i giallorossi. Fra i retroscena il mister Attanasio , potrebbe sorprendere

2

San Vito Positano – Sorrento, in silenzio i giallorossi. Fra i retroscena il mister Attanasio , potrebbe sorprendere. Difficile ottenere qualche informazione dalla squadra della Costiera amalfitana in questo pre partita. E’ l’unica società a non avere una pagina facebook aggiornata, anzi ne  ha due ma sono disattive. Questo a differenza sia di squadre accorsate come il Sorrento o nuove come il Costa d’ Amalfi che praticamente tutti i giorni informano i tifosi o i giornalisti tramite i canali social aiutando a divulgare le informazioni. Bocche cucite anche sui profili personali del presidente Raffaele Casola e dell’allenatore Marco Attanasio. Ma dal suo profilo si evidenzia una personalità da non sottovalutare, profonda e positiva sopratutto con i giovani, ottimi risultati con gli Juniores e con i pulcini, leadership nelle categorie di riferimento, insomma un ottimo allenatore , originario di Massa Lubrense, che sta facendo uscire anche dei positanesi, cosa a cui Positanonews ha sempre puntato, preferiamo che crescano dei giovani locali invece di importarne da fuori, come nostra filosofia. Ebbene Attanasio si rivela un ottimo allenatore e anche formatore, i suoi motti con cui accompagna ogni risultato mostra la presenza di uno spirito positivo e sportivo, da qui a fare il salto con i grandi manca poco. La squadra è cresciuta e potrebbe essere una sorpresa anche se la partita sarà durissima visto che il Sorrento ha bisogno di vincere per continuare il sogno della sua categoria, a parte i significati estrinsechi, come l’ex mister Guarracino che torna sul campo che ha calcato per tre anni. Altri retroscena dai tifosi è che non ci sarà la consueta festa fra le tifoserie gemellate, troppi lutti da piangere, anche se non si escludono gesti simbolici. Anche al De Sica di Montepertuso si osserverà un minuto di silenzio per la morte di Fabio Borgese.

Condividi
Precedente“La Notte dei Licei”, Il Publio V.Marone di Meta si illumina di cultura
ProssimoPiano di Sorrento guerra alla cacca dei cani, arrivano le multe ai padroni

2 COMMENTI

  1. Ho ricevuto un commento impubblicabile, ma partiamo da un concetto “che ne capisci di calcio”. Ebbene io no. Ma direi tu “che ne capisci di giornalismo”. Non sono entrato in un articolo tecnico, quello lo lascio fare agli altri, ma sui retroscena della partita. Per quanto riguarda la possibilità che i locali possano crescere chiedi a quelli che venti anni fa facevano il San Vito Positano, ragazzi del posto, come sono cresciuti. Non ho detto che per forza bisogna giocare con i locali, i tempi sono cambiati , ci vogliono i rinforzi etc, parlo di un auspicio.Parli a spiovere, per quanto mi riguarda posso pure non parlarne del San Vito figurati , ne farmi vedere. Sembra che per il calcio non viga il principio della democrazia, rispetto chi fa sacrifici con la società, ho espresso un’opinione, fra l’altro parlando bene dell’attuale allenatore, nonostante la società non ha rilasciato dichiarazioni, ne ha permesso a lui di rilasciarne. Anche queste sono opinioni mie non tecniche e lo faccio capire. Non è che parliamo della Juve o del Milan, possiamo pure sopravvivere senza dichiarazioni. Il problema è che il San Vito non comunica per niente neanche sulla pagina facebook, altrimenti avrei riportato il loro di pensiero, ma anche altri giornalisti trovando le informazioni lo avrebbero fatto, e sareste stati tutti contenti.

Lascia una risposta