Agropoli. Cumuli di alghe sul litorale nelle zone di Lido Azzurro e Marina. Al via piano di rimozione

0

Al via la rimozione delle tonnellate di alghe accumulate lungo il litorale nelle zone del Lido Azzurro e alla Marina. Una problematica atavica per Agropoli che, da anni, si trova a dover contrastare un fenomeno causa di disagi enormi. Negli anni scorsi la presenza dei cumuli delle alghe si avvertiva soprattutto nella spiaggia del porto. Da qualche tempo ingenti banchi di Posidonia hanno invaso anche il litorale del Lido Azzurro. Per la risoluzione della problematica l’Unione dei Comuni ha affidato d’urgenza i servizi di ritiro, trasporto e smaltimento della Poseidonia presso una piattaforma autorizzata. Ad occuparsene sarà l’azienda “Logistica srl” di Battipaglia, gli interventi avranno un costo di oltre 17.000 euro. A richiedere un intervento urgente e indifferibile è stato l’ufficio lavori pubblici che ha chiesto l’autorizzazione, per le vie brevi, alla prosecuzione nelle operazioni di raccolta della Posidonia spiaggiata. Da giorni, soprattutto in seguito alle violente mareggiate delle scorse settimane, il litorale di Agropoli, in particolare le due spiagge della Marina e del Lido Azzurro, è interessato dal fenomeno della Posidonia oceanica spiaggiata. Sugli arenili sono presenti fastidiosi e maleodoranti accumuli di alghe che creano disagi di carattere igienico-ambientale. Si tratta di un fenomeno destinato a ripetersi in quanto legato alle correnti. Da qui la necessità di adottare un provvedimento che consenta di rimuovere, di volta in volta, le alghe spiaggiate, evitando fastidiosi accumuli. Nell’attesa dell’espletamento di una nuova gara di affidamento del servizio, si è ritenuto improrogabile continuare a garantire lo svolgimento delle attività. L’Unione dei Comuni dell’Alto Cilento ha proceduto, in via autonoma, all’affidamento dell’appalto per un importo di 17.600 euro Qualche giorno fa il Comune guidato dal sindaco Adamo Coppola, su impulso dell’assessore Eugenio Benevento, aveva effettuato un primo intervento di bonifica concentrato lungo il litorale San Marco, per ripulire le spiagge dai detriti accumulatisi proprio in seguito alle mareggiate dei giorni precedenti. «Per l’accumulo della Posidonia oceanica – spiega Benevento – occorre un intervento più massiccio, a causa dello spiaggiamento invasivo che da anni la nostra costa subisce. È nell’interesse della nostra amministrazione continuare a salvaguardare le bellezze del territorio». A sollecitare la necessità della rimozione dei banchi di alghe sul litorale di via Kennedy era stato anche Carlo Scalzone, titolare del lido Azzurro. «Purtroppo i fatti hanno dimostrato che i lavori effettuati lungo il litorale – afferma Scalzone – non stanno funzionando. Sono due stagioni che l’amministrazione sta cercando di risolvere con degli interventi tampone accantonando le alghe. C’è bisogno di un intervento radicale, i lavori della barriera frangiflutti stanno creando solo disagi e danni». (Angela Sabetta – La Città)