Amalfi, morte Fabio Borgese: giorno decisivo per l’autopsia?

0

Amalfi. Potrebbe essere oggi la giornata decisiva per l’autopsia di Fabio Borgese, il giovane di 32 anni deceduto lo scorso 9 gennaio per un malore (causa ancora da accertare). Una notizia che ha sconvolto tutta la Costiera Amalfitana e il mondo dello sport dilettantistico della provincia di Salerno e della Campania. Fabio, che ha lasciato moglie e figlioletta, era noto perché ottimo giocatore di calcio a cinque: dovunque era apprezzato per le sue doti di sportività e lealtà,

Fabio si era recato all’Ospedale di Castiglione per un malore e poi era tornato a casa con le sue gambe. Martedì mattina Fabio è, però, svenuto in casa, accusando dei forti dolori al petto. La moglie lo ha riportato presso il presidio di Ravello mentre l’uomo era ancora cosciente, ma i medici hanno fatto di tutto per rianimarlo, senza purtroppo riuscirci.

Oltre che come persona splendida e disponibile, Fabio è ricordato anche come ottimo atleta e sportivo leale. E proprio per questo c’è da fare assoluta chiarezza sulle dinamiche della sua morte: la magistratura ha ordinato l’autopsia che dovrà sciogliere ogni dubbio.