Sorrento , tra le priorità del 2018 la nuova caserma dei Carabinieri?

0

Alquanto discutibile lo scarso impegno da parte dell’Amministrazione Comunale nel dare una soluzione ad una problematica che potrebbe, nei primi mesi del nuovo anno, privare la nostra Città dell’importante supporto dell’ Arma dei Carabinieri.

Sorrento – Dopo la perdita della Guardia di Finanza, trasferitosi ormai da tempo a Massalubrense, la nostra Città potrebbe presto perdere anche la sede dei Carabinieri. Entro febbraio 2018 scadrà infatti il contratto di locazione della ormai storica sede di Via Capasso e l’Arma, salvo la possibilità di una proroga, sarà costretta a trasferirsi altrove. Ancora una volta si è arrivati al termine di contratto, senza che il Comune abbia cercato di dare, a quella che a tutti gli effetti si presenta come una grave problematica, una definitiva soluzione. Secondo norma, spetta infatti agli enti locali assicurare una sede ai militari incaricati nel mantenimento dell’ordine pubblico. Troppi rinvii, senza poi la dovuta attenzione, da parte delle varie amministrazioni che si sono succedute nell’arco di decenni al Comune. Fino ad arrivare ai nostri giorni quando i proprietari chiedono, a scadenza di contratto ,la struttura per adibirla ad altri scopi. La situazione diventa ancora più imbarazzante se si tiene conto che il Comune ha inserito la costruzione della caserma nel programma triennale delle opere pubbliche,ma senza che al momento non si sia agito in tal senso. Struttura , che secondo programma, dovrebbe essere realizzata entro il 2019 con l’assunzione di un mutuo di circa 5 milioni. Nonostante la situazione in atto al momento tale progetto naviga tuttavia ancora nelle retrovie del programma e pertanto non viene indicato come una priorità da parte dell’Amministrazione Comunale. Secondo quanto trapela dal Palazzo di Piazza Sant’Antonino, proprio la mancanza di fondi sarebbe la causa maggiore di tale assurdo mancanza di impegno afffinchè la struttura venga realizzata. Ritenere di secondaria importanza la presenza dell’Arma dei Carabinieri,sul territorio comunale,per la maggior parte della cittadinanza, risulta essere alquanto avvilente. Oltre ad un ripensamento della proprietà ,nel rinnovare il contratto, con l’anno nuovo, si spera in una prossima ed incisiva azione da parte dell’Amministrazione comunale. In modo tale da non privare la nostra città di un tale importante e vitale supporto.Ma bensì garantire anche per il futuro, con la presenza dei Carabinieri, oltre alla sicurezza ,la convivenza civile che da sempre è stata una caratteristica stabile della nostra beneamata Città. – 29 dicembre 2017 – salvatorecaccaviello