Biglietterie abusive al porto di Sorrento, il Sindaco arriva con due anni di ritardo dopo le Associazioni

2

Con una segnalazione inviata, oltre al Comune, anche all’Autorità Nazionale Anti corruzione del Giudice Cantone, che l’anomala situazione fu sollevata già nell’Ottobre del 2015

Sorrento –  Come è ormai noto, la scorsa settimana al Comune su iniziativa del Sindaco Cuomo è stata varata una Delibera di Giunta con la quale si incarica il dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale, Ing. Alfonso Donadio di indire al più presto una gara per il rilascio delle concessioni per cinque delle sei biglietterie al Porto di Marina Piccola. Le quali dal 2007 risultano essere occupate abusivamente dal alcune compagnie di navigazione e pertanto, come evidenziato anche dal Dirigente , si registra un danno per decine di migliaia di euro per le casse comunali dovuto ai canoni non versati. La notizie dell’ennesima  “dimenticanza”,da parte di facoltosi imprenditori, ai danni del Comune e quindi della comunità sorrentina, ha sollevato una serie di polemiche in città e molto apprezzamento per il Sindaco Giuseppe Cuomo che in tale occasione ha dimostrato molta determinazione. Tuttavia un interrogativo è d’obbligo: come mai da oltre un decennio , trattandosi di locali con annessi e connessi di proprietà comunale, situate in un luogo di forte interesse come il Porto di Sorrento,in cui operano grosse aziende di trasporti ,soltanto adesso tale situazione viene fuori? Nel rispondere a tale quesito sarebbe interessante che la cittadinanza sapesse che già nel 2015 tale singolare situazione fu oggetto di interessamento da parte delle Associazioni contro le illegalità presenti sul territorio. Infatti il 15 ottobre 2015 fu protocollata al n. 47925 una segnalazione da parte delle Associazioni avente per oggetto: Richiesta pubblicazione nella sez.Amministrazione Trasparente del sito web del comune  delle concessioni demaniali di Maina Piccola indirizzata al responsabile Anticorruzione del Comune di Sorrento, Dott.ssa Elena Iserra, al Dirigente del III° Dipartimento Ing. Alfonso Donadio, al Responsabile della Trasparenza degli Atti del Comune, Dott. Antonino Giammarino, nonché all’Autorità Nazionale Anticorruzione del Giudice Raffaele Cantone. Nella quale si evidenziava di aver accertato che  che sull’area relativa alla concessione n. 32/2008 insistevano n.6 (sei) box utilizzati come biglietterie dalle varie  compagnie di navigazione. Si constatava inoltre che nell’Albo Pretorio del Comune né alla sezione “Amministrazione Trasparente” del sito web risultavano indicate eventuali concessioni rilasciate , per l’utilizzo  dei suddetti box-biglietterie, ai singoli fornitori ed ai relativi canoni corrisposti al Comune da parte degli interessati. Pertanto si chiedevano: eventuali autorizzazioni concesse per   l’occupazione del box di cui sopra; i dati identificativi dei concessionari; gli eventuali importi dei canoni versati dagli occupanti i box al Comune di Sorrento; le somme versate dal Comune per il consumo di energia elettrica se a proprio carico. Comunicazione che come al solito non ha avuto alcuna risposta da parte della Responsabile Anticorruzione Dott.ssa Inserra, ne tanto meno da parte del Responsabile del III Dipartimento Ing, Donadio. Il quale soltanto dopo il recente intervento del Sindaco Cuomo si è ricordato dei canoni non versati e del danno alle casse comunali. A questo punto è probabile che la “scossa” al Sindaco Cuomo potrebbe essere arrivata anche  dall’ Autorità nazionale Anticorruzione, anch’essa avvisata dalle Associazioni. – 01 novembre 2017 – salvatorecaccaviello