Malore all’alba, chiama il 118 che rimanda alla Guardia Medica, che non risponde. Sanità disgraziata a Positano

9

Malore all’alba, chiama il 118 che rimanda alla Guardia Medica, che non risponde. Sanità disgraziata a Positano. Perla della Costiera amalfitana per il turismo, ma non per i servizi.  E’ successo all’alba di ieri, si chiama il 118 per forti malori addominali di origine sconosciuta ed il 118 di rimando dice di rivolgersi alla Guardia Medica, successivamente la persona interessata chiama la Guardia Medica che non risponde. Solo l’intervento di un medico privato, che poi ha appurato la gravità della cosa ed è intervenuto con siringhe e flebo, ha evitato il peggio. Siamo anni che lo diciamo , Positano deve avere un punto di primo soccorso sul posto, invece abbiamo una postazione dell’ASL a Fornillo con la Croce Rossa che “occupa” GRATUITAMENTE un nostro spazio pubblico nella scuola che non serve quando abbiamo davvero un’emergenza. A conti fatti o si fa un punto di pronto soccorso o è meglio liberarci questi spazi e attivarci col privato come abbiamo sempre detto con il medico Gino Esposito che si era anche offerto, inascoltato.  Non solo la loro presenza inganna il cittadino che in buona fede ignora che li tutti quei medici e volontari del soccorso non possono metterti neanche un punto su una ferita se non ti portano in Ospedale, cioè al Costa d’Amalfi di Castiglione di Ravello, e se è di giorno possono anche soccorrerti, se si fa sera se manca il radiologo o altro e c’è il rischio che ti portino a Pollenatrocchia, per dire si sa da dove si parte non si sa dove si arriva, se va bene a Battipaglia o nel Cilento. Resta da vedere e da capire il perché il 118 nel caso specifico non sia intervenuto e il perché lo stesso 118 non abbia attivato la Guardia Medica nel momento stesso che l’utente lo ha chiamato senza costringerlo a chiamare, senza che questa Guardia Medica, che si trova a Praiano, rispondesse. Cosa che accade di frequente stando ai resoconti che ci fanno, ma ben può essere che sia impegnato altrove o abbia problemi col telefono, mentre il 118 ha modo di rintracciarlo e di verificare se è reperibile o meno in quel caso avrebbe avuto l’obbligo di intervenire.  Al di là del caso specifico oramai molti cittadini che vedono questo plesso dato gratis et amore dei all’Asl di Salerno solo come una struttura tolta alla disponibilità della collettività , ulteriori spese della Regione Campania date a iosa, e la consapevolezza che l’unica strada da percorrere è quella di mettersi in macchina e correre all’ Ospedale di Sorrento nella speranza di venire accolti visto che si tratta dell’ASL di Castellammare di Stabia  ( Napoli ) e quindi non sempre ci vedono di buono occhio, dicono che abbiamo già i nostri servizi. Oltre il danno la beffa

Condividi
PrecedenteSorrento piange D’Esposito Gaetano detto Coccone
ProssimoMeta Fondazione Asilo Ruggiero chiude, ma i locali vanno al Liceo Marone la scuola più in crescita della Penisola

9 COMMENTI

  1. Tutto è dipeso dall’operatore al telefono del 118. Ia locazione e i locali di Positano c’entrano poco anche se andrebbero dislocati diversamente pronti ad intervenire alle richieste.

    • Ciao Peppe ti ringrazio per l’intervento, ma molti cittadini mi riferiscono che vanno nei locali a Fornillo per chiedere medicazioni e non gli vengono date, questo crea una illusione. Servono come serve una ambulanza medicalizzata pronta ad intervenire e risparmiamo le spese dei locali. Un abbraccio forte

  2. Salve direttore,
    Volevo precisare alcuni aspetti che lei ha menzionato nel suo articolo:
    Per quanto riguarda la postazione 118 di Positano i medici hanno sempre svolto il loro servizio per la popolazione di Positano e moltissime volte anche se non di nostra competenza abbiamo soccorso presso la postazione persone del luogo e non ,per problemi legati a ferite o prestazioni infermieristiche.
    Non sto qui ad elencare le persone anche importanti che hanno beneficiato delle nostre prestazioni e mi sembra inappropriata tanta critica nei nostri riguardi.
    Se poi queste critiche hanno un doppio fine a noi medici Asl non interessano proprio queste illazioni e parlo a titolo personale in quanto ho sempre soccorso tuttte le persone di Positano e stranieri per problemi legati alla loro salute presso il presidio.
    Spero che al più presto lei può avere un incontro con me o i miei colleghi per avere molte precisazioni su questi inconvenienti.
    La ringrazio.

    • Nessun doppio fine, la verità è quella descritta e la richiesta chiara. Serve un primo soccorso , come ben sapete i medici li , legittimamente, non mettono neanche i punti ad una ferita. Nessuna contestazione ai medici ma al sistema e alle scelte fatte

  3. Sinceramente parlare male della croce rossa non mi trova per niente d’accordo sono delle persone stupende in alcuni casi volontari che si impegnano per garantirci un servizio a mio parere stupendo. Purtroppo sono costretti, essendo loro il presidio del 118, a seguire delle regole. Credo che i disservizi lamentati siano stati causati da una guardia medica che funziona male e che non è ben presente sul territorio

  4. Prima li elogiate, guardasi i vari articoli sugli interventi della CR, e poi al primo problema, che non è da loro causato subito ad attaccarli. I veri giornalisti dovrebbero almeno essere coscienti di ciò che scrivono e non darsi la zappa sui piedi da soli. Vi consiglio di trovare su vocabolario le parole Ipocrisia e giornalista.

    • Non vi è nessun attacco alla Croce Rossa. La zappa sui piedi ce la diamo noi se pensiamo di non cercare di migliorare la sanità, a Positano serve un primo soccorso, solo a chi è cieco o in malafede ciò non appare evidente. A quale delle due categorie appartieni?

      • Fammi capire un pò. Decine e decine di persone sperano che nel plesso che occupa una pletora di servizi sanitari possa ricevere SOCCORSO in caso di tagli, problemi di malessere o altro. In tanti sono arrivati li e gli è stato detto che se hanno bisogno vengono trasportati in Ospedale , ma non vengono curati, neanche per minime cose sul posto. Queste persone credendo erroneamente, diciamo per ignoranza, che possono essere soccorse anche per cose basilari, perdono solo tempo.. il mio scopo è informarli che è inutile andar li per ricevere soccorso se non è una emergenza per la quale si viene comunque trasportati in Ospedale. Questo primo soccorso E’ NOTORIO non viene dato E LEGITTIMAMENTE. Non per colpa dei medici o della Croce Rossa ma dell’ASL che non ha predisposto un primo soccorso ne un medico della guardia medica che sta a Praiano e telefonicamente è spessissimo irreperibile perchè probabilmente già impegnato li.. Allora vorrei capire cosa ho detto di tanto strano. Nel caso specifico il 118 doveva chiamare la Guardia Medica , ci tengo a precisare , per chi non lo sapesse, che il tutto è documentabile perchè tutte le telefonate del 118 vengono registrate.. Cambiamo timbro e registro, usiamo la struttura per un primo soccorso per il quale la Croce Rossa rimane un ausilio prezioso

Lascia una risposta