Il problema Bed and Breakfast in Costa d’ Amalfi

0

Il responsabile di importanti e seguite sigle di Bed&Breakfast del comprensorio sorrentino-amalfitano ha diverse volte lamentato l’abusivismo di tante case e casette e palazzetti che operano con l’insegna B&B o Casa vacanza o altro. Risultato che è stato sistematicamente subissato  di contrarietà, addidato come disfattista, ecc.  Eppure è vero che ci sono tanti “portoghesi” che, sfruttando il momento turistico favorevole, operano nel settore con i loro appartamenti disseminati nei punti più strani, spesso, ed a costi altissimi.

Un signore minorese, infagtti, chiese il costo di una matrimoniale in una  struttura a tre stelle “legale” della cittadina; alla risposta di 130 euro al giorno si meravigliò  molto perchè  in una pseudo struttura turistica  della ziona cartiere gli avevano chiesto euro 190 (naturalmente senza registrazione, senza tasse, senza imposta di soggiorno)

Ora la Confesercenti provinciale affaccia prepotentemente il problema, chiedendo l’intervento degli organi di controllo affinchè si possa eliminare questo sconcio che danneggia chi opera in regola fornendo tutti i servizi necessari e arrecando danni alle casse del Comune di residenza e dello Strato centrale. La Confeswercenti dovrebbe anche tutelare le aziende di ristorazione e controllare tutti quei bar (nati tali) che operano da ristorante.

 

g.a.