Cava de Tirreni soccorsa in ospedale subisce molestie sessuali dall’infermiere

0

Viviana De Vita
Cava de’ Tirreni. Avrebbe dovuto assisterla e lenire gli spasmi dolorosi che la tormentavano. Invece, fingendosi un medico, ha abusato di lei, che proprio quel giorno era stata ricoverata per una crisi respiratoria nel reparto di medicina generale dell’ospedale Santa Maria dell’Olmo, palpeggiandola ripetutamente nelle parti intime.
Il pm ha chiesto il rinvio a giudizio per C.F. 64 anni di Pagani, infermiere presso l’ospedale di Cava dei Tirreni. L’uomo dovrà presentarsi il prossimo 28 novembre davanti al gup del tribunale di Nocera Inferiore, per l’udienza preliminare. In quella sede la ragazza, una 27enne di Roccapiemonte, potrà costituirsi parte civile attraverso l’avvocato Agostino Allegro.
La vicenda, che potrebbe trasformarsi presto in processo, risale all’agosto dello scorso anno quando, al pronto soccorso dell’ospedale di Santa Maria dell’Olmo, giunge una bella 27enne in preda ad una crisi respiratoria. La ragazza viene subito ricoverata nel reparto di medicina generale, dove è in servizio l’infermiere di Pagani. La giovane è in pigiama quando, a seguito di un improvviso malore, esce nel corridoio per chiedere aiuto. È allora che l’infermiere perde la testa e, fingendosi un medico e affermando di doverla visitare, la porta con sé in una stanza vuota e la fa distendere sul lettino. Prima comincia a tastarle il fianco dove la ragazza avverte dolore, poi le fa togliere gli indumenti e inizia a palpeggiarla nelle zone intime, senza pensare minimamente alle possibili conseguenze del suo operato.
Evidentemente il sanitario non aveva fatto i conti con il coraggio della 27enne che, senza lasciarsi intimorire, ha sporto regolare denuncia trascinando l’infermiere in un’aula di tribunale. Nei giorni scorsi il gip del tribunale di Nocera Alfonso Scermino, accogliendo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal magistrato, ha fissato l’udienza preliminare a carico dell’infermiere che, ora, rischia il processo.