Mare mosso quanti morti: Sorrento , 19enne a Ischia e a Castellabate padre di Nocera muore per la figlia

0

Tre in Campania e uno in Toscana. E’ sinora di quattro morti il bilancio di una tragica giornata di mare, venerdì 11 agosto 2017. Positanonews ha seguito la tragedia di Sorrento in particolare che riguarda il suo territorio, la Costiera amalfitana e Penisola sorrentina, ma ieri è stata una giornata costellata di tragedie che ha avuto risalto sull’ANSA. E anche oggi il mare non è tranquillo, rischio alto anche per i tanti che nonostante tutto vorranno prendere i proprio scafi per questo weekend centrale di agosto, fate attenzione.

Ha colpito molto la vicenda del Cilento dove un padre annega nel tentativo di soccorrere la figlia  – Tragedia del mare a Castellabate (Salerno): un 51enne è annegato nel tentativo di salvare la figlia. La vittima, Angelo Ferraioli, di Nocera Inferiore (Salerno), è morto ieri  mattina davanti all’approdo del ristorante “Le Gatte”, frazione Santa Maria di Castellabate, nel tentativo di soccorrere la figlia sedicenne in difficoltà a causa delle proibitive condizioni del mare. La giovane è stata tratta in salvo da alcune persone.

Si tuffa con mare forza 4, giovane annega a Sorrento  – Nella sezione Penisola sorrentina news servizi e video di Positanonews , secondo la ragazza , che ha potuto usufruire di un salvagente, mentre il fidanzato, stato quasi mezz’ora in acqua stando alcuni resoconti , annegava, in una tragedia come Titanic,  sono stati travolti da un’onda mentre erano sulla scogliera sulla Solara di fronte Puolo. Ecco come riporta la notizia l’ ANSA: Un giovane di Somma Vesuviana (Napoli), Agostino Navarro,di 31 anni è annegato nelle acque della Regina Giovanna tra la spiaggia della Solara e quella della Pignatella, in località Capo di Sorrento. Il mare tra Capri e la Penisola sorrentina già da ieri pomeriggio è mosso, forza 4, con vento di maestrale. Negli stabilimenti balneari della penisola sorrentina, compreso quello della Solara sventola la bandiera rossa in segno di pericolo. Il 31 enne, però, insieme alla fidanzata, ha sottovalutato il pericolo, ed i due si sono tuffati in una zona di mare aperto. Quando hanno cercato di risalire sugli scogli si sono trovati in difficoltà. I due sono stati avvistati da altri bagnanti, che hanno dato i l’ allarme.

Diciottenne annega nelle acque di Ischia – Una napoletana di 18 anni, Alessia Piatti, per cause ancora da chiarire è annegata nelle acque di Cava dell’isola, a Ischia. Il suo corpo è stato ritrovato al largo della limitrofa spiaggia di Citara.

Anche nel resto d’ Italia, di cui ci occupiamo come testata solo marginalmente, si sono verificate delle tragedia. Si tuffa in mare e scompare, corpo ritrovato a 3 km – E’ stata la mareggiata della notte scorsa a trascinare via l’uomo che si era tuffato in mare e che è scomparso, annegando, a Castiglione della Pescaia (Grosseto) e di cui è stato ritrovato il cadavere sulla spiaggia circa 3 chilometri dopo, lungo la costa. La vittima è un senegalese di 50 anni, che, da quanto appreso, si sarebbe voluto tuffare lo stesso, per un bagno notturno, nonostante le difficili condizioni del mare lo sconsigliassero. Dopo qualche minuto, è scomparso tra le onde. Sono stati gli amici, altri extracomunitari che abitano nella zona, a dare l’allarme e far scattare le ricerche che hanno proseguito dalla notte fino al ritrovamento di stamani, sulla spiaggia più a sud, tra Castiglione e Marina di Grosseto. Per le ricerche si sono mobilitati bagnini, guardia costiera e vigili del fuoco. Ora, ritrovato il corpo, lo specchio di mare dove si stavano svolgendo le ricerche, che era stato chiuso alla balneazione, è tornato disponibile poiché il divieto è stato revocato.