Comunicato gruppo di opposizione “Positano Nuova”

1

Riceviamo e pubblichiamo comunicato gruppo di Opposizione “Positano nuova”

Cari Concittadini,

 

Un aggiornamento sullo stato delle cose e dell’attività dell’opposizione.

Sappiamo benissimo quanto il Paese purtroppo ormai versi in uno stato di caos totale, nulla funziona davvero, traffico assurdo, sbarchi selvaggi, tavoli e suoli pubblici fuori controllo e così via.

Sappiamo benissimo anche delle lamentele che ci arrivano continuamente dalla gente, e che purtroppo però pochissime volte vengono fuori pubblicamente.

Come ben sappiamo che alcuni dicono che l’opposizione si sia fermata.

La realtà è che l’opposizione, i problemi di oggi, li segnalava già Svariati anni fa, pubblicamente, come li continua a segnalare ora, nelle sedi deputate, il Consiglio Comunale. Il problema purtroppo è che nulla cambia.

Facciamo alcuni esempi:

Avevamo già scritto dell’assurdità di costruire una piazza come copertura del depuratore quando è proprio il depuratore che non dovrebbe star li’. Avevamo anche proposto, in campagna elettorale, di iniziare almeno uno studio sulla possibilità di spostare l’impianto di depurazione, ma nulla è stato fatto.

Invece non solo si vuole portare il turismo di Positano nell’unico punto del Paese dove non lo si dovrebbe portare, ma, ancora peggio, l’opera che ci era stata venduta come pronta in un anno dall’inizio dei lavori, dopo 3 anni giace ancora inutilizzata, senza che nessuno abbia notizie certe. Però intanto si è celermente provveduto a organizzarvi gite promozionali delle scuole in piena campagna elettorale, e poi inaugurazione e intestazione della piazza con tanto di cerimonia ufficiale.

Intanto la piazza sta lì, inutilizzata, e non si sa se sia meglio così o no.

Ma tutto ciò era stato già scritto e pubblicato da noi più e più volte negli anni passati; l’ultima di queste giusto un anno fa, nel nostro articolo intitolato “I meriti e demeriti dell’amministrazione”

 

Ma ne parlavamo anche 6 mesi prima, nell’articolo “ L’incompiuta di De Lucia”

 

e in tanti altri prima.

Come nello stesso articolo parlavamo dei ritardi della Villa Romana, dei misteri sulla futura gestione e sull’affidamento e fruibilità di questa.

In merito a questi due punti, ma anche riguardo ai lavori della casa comunale, abbiamo anche presentato delle interrogazioni consiliari a marzo 2016, che abbiamo pubblicato, con relativa risposta, scarna ed evasiva come al solito, da parte dell’amministrazione.

 

 

E’ incredibile realizzare, leggendo, come nulla sia cambiato e le cose che dicevamo anni fa sono ancora attuali, segno che nulla si è fatto.

Ma ancora peggio, oggi il Sindaco, con la Villa Romana ancora chiusa se ne esce con una dichiarazione da brividi: “ prima i Positanesi e poi i turisti”; ma cosa vuol dire? Perché questa contrapposizione gratuita? Non è questo sicuramente il modo di insegnare alle nostre giovani generazioni il senso dell’ospitalità che ha fatto il nostro successo.

Noi invece avremmo detto semplicemente : Turisti e Positanesi insieme, come una sola cosa, perché la villa romana è un patrimonio di tutti, e siamo tutti esseri umani creati uguali.

Ancora, parliamo del finanziamento di € 100.000,00, ricevuto per la famosa galleria Bypass al bivio di Montepertuso.

Ricordo personalmente svariati scontri in Consiglio Comunale, tra il sottoscritto ed il Sindaco, con argomento la fantomatica galleria.

Ora, cari concittadini dovete sapere che il progetto di questa galleria è presente da 7 anni nel piano delle opere pubbliche del Comune di Positano, con un costo previsto di circa 10 milioni di euro, il tutto per spostare il problema di qualche chilometro.

Oggi, dopo 7 anni, qualcuno ci vende come un grande colpo di Michele de Lucia l’ottenimento di questi fondi che serviranno solo e dico solo per dire se sarebbe possibile fare la strada e in teoria che andamento dovrebbe avere praticamente uno studio di fattibilità che ci costa SOLO 100.000,00 miseri euro??  Poi però bisognerà fare il progetto definitivo i calcoli dei lavori e i lavori e per quello serviranno non 100.000,00 euro ma altri 10.000.000,00 euro. (10 milioni di euro)

E se l’opera dopo lo studio preliminare di 100.000 risulterà non fattibile??? Semplice i soldi saranno stati buttati via!

Possibile che In 7 anni siamo riusciti solo ad avere approvato il finanziamento di uno studio preliminare?? E c’è anche chi crede che sia un successo.

Per favore siamo seri.

Per scrupolo di coscienza, sono andato a ricercare un comunicato del vecchio gruppo di opposizione, da me stesso redatto, in cui già si parlava della galleria. Di seguito un estratto:

Il Consiglio Comunale è proseguito con l’approvazione di un “piano per la mobilità sostenibile” il gruppo di Minoranza ha votato favorevolmente ma ha espresso le sue riserve.  Il Piano approvato, rappresenta l’ennesimo elenco di opere che mai verranno realizzate, destinato a rimanere per sempre nei cassetti, per mancanza di fondi, dalla Regione Campania non arriverà un euro. I nostri amministratori pianificano fantomatiche gallerie ma poi non riescono a gestire neanche i problemi quotidiani della viabilità.

Questo estratto risale ad un comunicato del 2011 !!!

Credo che ogni altro commento sia superfluo.

Ricordo inoltre che l’amministrazione precedente a quella De Lucia, aveva predisposto e approvato un piano per parcheggi in roccia esterni al paese e mobilità elettrica, che oggi, a distanza di 7 anni, avrebbe già cominciato a dare i suoi frutti, risolvendo gran parte dei problemi di viabilità in cui il paese si trova oggi, in modo efficiente, economico, ed ecologico.

Piano affossato da questa amministrazione, senza di colpo ferire, e senza che sia stato sostituito da altro

Come affossate sono state tutte le proposte avanzate da questa opposizione, sia in campagna elettorale che successivamente; proposte di buon senso più che altro, ma che non sono mai state prese in considerazione, forse proprio perché provenivano dall’opposizione.  ( al link sotto un resoconto delle proposte in tema di mobilità)

 

Permettetemi tuttavia di precisare che l’opposizione continuerà nella propria attività, con onestà e nel rispetto della gente che ha creduto in noi e nel popolo di Positano, ma devo anche specificare, per chi non lo avesse capito, che purtroppo l’opposizione fa l’opposizione, non ha poteri di governo, né tanto meno i numeri per contrastare una maggioranza che fa tutto di testa sua e non ascolta nessuno se non pochi eletti.

Non vorrei mai arrivare a credere che la maggioranza non fa nulla, e la colpa sia dell’opposizione!

A seguire parleremo di tanti altri argomenti “immobili” nel tempo, in questo nostro paese meraviglioso ma pieno di contraddizioni!

 

Gruppo di opposizione POSITANO NUOVA

Condividi
PrecedenteStrada Ravello-Chiunzi: pubblicato bando di gara per bonifica montana
ProssimoSorrento. Tragedia a Puolo, un ragazzo morto a mare travolto dalle onde. FOTO – VIDEO

1 COMMENTO

  1. Se il consiglio comunale è sordo…………..date voce al popolo…. come gruppo di minoranza costitiuite il gruppo promotore…..
    STATUTO DEL COMUNE DI POSITANO – Bollettino Ufficiale Della Regione Campania – Supplemento al n°20 del 15 APRILE 2002
    Sezione 3^ : INIZIATIVE POLOPARI,
    Art 45 Istanze, petizioni e proposte:
    1_ i cittadini residenti possono rivolgere istanze e petizioni all’amministrazione Comunale con riferimento ai problemi di rilevanza locale, nonché proporre deliberazioni nuove o di revoca delle precedenti
    2_ le istanze possono essere sottoscritte da uno o più cittadini; le petizioni e le proposte da non meno di 1/10 degli elettori iscritti nelle liste elettorali
    3_ le istanze, le petizioni e le proposte sono ricevute dalla Giunta Municipale che provvede a deliberare nel merito entro 30 giorni
    4_ qualora la materia dell’istanza, della petizione e della proposta non sia di competenza della Giunta Municipale, questa provvede ad inoltrare entro 30 giorni con motivato parere al Consiglio Comunale che qualora la materia sia di sua competenza, delibererà in merito nei successivi 60 giorni.
    Art 46 Referendum – consultivo:
    1_ il referendum su materie di esclusiva competenza comunale è volto a realizzare il rapporto tra gli orientamenti che maturano nella comunità e l’attività degli organi comunali
    2_ sono ammessi soltanto referendum consultivi; la richiesta di referendum deve contenere la precisa formulazione del quesito da sottoporre al giudizio del corpo elettorale secondo criteri di chiarezza ed univocità

    QUESITO
    Volete voi vietare la circolazione all’interno del centro di positano e precisamente nel tratto di strada di via …..da località chiesa nuova a ……… sponda dalle ore 10.00 alle ore 20.00 di tutti gli automezzi con posti superiori a 20 persone con la sola esclusione del servizio pubblico di trasporto

    Art 47 Effetti del referendum consultivo
    1_ il quesito sottoposto a referendum è dichiarato accolto qualora ottenga la maggioranza dei voti favorevoli purché il numero dei votanti sia stato superiore alla metà più uno aventi diritto al voto:
    2_ se l’esito è stato favorevole, il Sindaco è tenuto a proporre al Consiglio Comunale o alla Giunta Comunale ciascuna per le proprie competenze, entro 60 giorni dalla proclamazione dei risultati, la deliberazione sull’oggetto del quesito sottoposto a referendum

Lascia una risposta