Nel Centro-Sud ancora picchi di 38 gradi, ma il caldo ha i giorni contati. Da venerdì temperature in picchiata

0

Temporali, anche violenti, su tutto l’arco alpino. Caldo tropicale dalla Pianura padana in giù ancora per qualche giorno prima dell’arrivo del fresco. Con la zona tra le Alpi e il Po a fare da cuscinetto: caldo moderato con possibilità di acquazzoni. «Sulle Alpi convergono correnti fresche atlantiche che, con le temperature padane ancora alte, possono dare origine a temporali intensi», spiega Nikos Chiodetto, meteorologo di 3bmeteo.com. In Valle d’Aosta già ieri nel tardo pomeriggio il maltempo ha costretto all’evacuazione di circa 150 persone, di cui 30 da un campeggio dopo l’esondazione di un torrente e colate di fango a Ollomont, ha reso noto il Soccorso alpino regionale. A Valpelline è stato predisposto un campo per ospitare le persone che non hanno trovato altre sistemazioni. Previsti rovesci e temporali, anche con grandine, in Trentino e sulla fascia montana veneta, dove è alta l’attenzione su possibili frane e smottamenti. Sotto il Po cambia tutto. In Emilia Romagna 167 Comuni sono in allerta gialla per il caldo. «Non dovrebbero però raggiungere i record registrati la scorsa settimana con la colonnina di mercurio oltre i 40 gradi», avverte Chiodetto. Tuttavia il ministero della Salute ha posto per oggi 17 città a livello 3 (bollino rosso) per il caldo: Bologna, Firenze, Perugia, Cagliari, Civitavecchia, Frosinone, Latina, Roma, Rieti, Viterbo, Campobasso, Napoli, Bari, Reggio Calabria, Palermo, Messina e Catania. «Nel Sud specie nelle aree interne di Sicilia, Calabria e Puglia, sono attesi picchi di calore di oltre 38 gradi fino a giovedì». Poi tra venerdì e sabato anche nelle regioni meridionali arriverà il maestrale a dare sollievo al caldo torrido portato dall’anticiclone africano. «Le temperature scenderanno anche di 8-10 gradi, ma non ci saranno temporali a mitigare la siccità», secondo il meteorologo. E per Ferragosto? «È difficile fare previsioni attendibili a una settimana — dice Chiodetto — ma il tempo sarà buono in tutta Italia con caldo non superiore alle media. Poi tornerà la fiammata africana». (Corriere della Sera)