Vicenda Pisani a Sorrento un ristorante degli Iorio con i soldi del riciclaggio della camorra

0

Era previsto anche un ristorante a Sorrento per gli Iorio, particolare che rivela Positanonews in anteprima dai verbali della Procura di Napoli, e mai uscito su nessun quotidiano. Altri  riferimenti che riguardano anche la Penisola Sorrentina .li fa il quotidiano La Repubblica di Napoli Il capoclan oggi pentito Salvatore Lo Russo racconta ai magistrati: “La paura che provo non è da meno. Sono perfettamente consapevole della potenza del dottor Pisani e non so cosa possa accadermi. Le dico anzi che temo più la sua persona che cento camorristi. I miei rapporti con Pisani nascono alla fine degli anni Novanta durante un incontro in un ristorante della costiera sorrentina. Pisani mi diede il suo numero di telefono dicendomi che per qualsiasi cosa potevo rivolgermi a lui. Notai l’anomalia di questa circostanza, e mi incuriosii tanto che la sera stessa gli telefonai da una cabina telefonica. Fui molto diretto, gli chiesi in pratica cosa volesse da me. Lui mi chiese di incontrarci e così ci vedemmo a San Martino. Mi spiegò che era interessato a catturare Gaetano Bocchetti. Non mancai di mettermi subito a disposizione”.

Diciassette ristoranti, molti della Napoli bene — tra via Caracciolo e la Riviera di Chiaia, piazzetta Rodinò e via Carducci — sequestrati. Valore cento milioni (una evasione fiscale calcolata in dieci milioni ogni anno). Questo perché erano il canale di riciclaggio plurimilionario dei proventi del più ricco usuraio di Napoli. Per intendersi Mario Potenza, del Pallonetto a Santa Lucia, dove gli uomini di Maurizio Vallone appena un paio di settimane fa trovarono nascosti nei muri otto milioni di euro in contanti. Spiccioli, a fronte del denaro investito in pub e ristoranti come il “Regina Margherita” di via Partenope o il “Pizza Margherita” della Riviera di Chiaia. Dunque gli investitori: da una parte i fratelli Marco, Massimiliano e Carmine Iorio (tutti arrestati tranne Marco, che si trova negli Stati Uniti in vacanza con il calciatore Fabio Cannavaro), arrestati con tre commercialisti.

Pisani si incontrò con Lo Russo negli anni novanta in un ristorante della costiera , fra Vico Equense e Massa Lubrense e Sorrento, ed è proprio qui che gli Iorio avevano manifestato l’intenzione di aprire un ristorante