De Laurentiis: «Non vendiamo i big. Questo è l’anno buono»

0

Il rafting è lo sport giusto per dare libero spazio ai pensieri, per fare il punto sul Napoli che si prepara in Trentino ad affrontare la prossima stagione. Mister X stimola la fantasia ma De Laurentiis ha ridimensionato il tema del profilo a sorpresa nelle interviste rilasciate a Mediaset e Sky: «Era uno o due idee per il futuro. Stiamo verificando se il contesto lo permetterà senza creare lunghe attese e aspettative». La linea resta quella della continuità, della fiducia nelle qualità di Sarri e del suo gruppo. «E’ stato un maestro di vita per tutti i calciatori, per la società e per i tifosi. Siamo una grande famiglia, senza screzi e malumori». L’assenza di Reina nella seconda amichevole dell’estate tiene alta l’attenzione sull’incertezza relativa ai portieri che aleggia in casa Napoli. Sul portiere spagnolo De Laurentiis è stato criptico: «Se sul gommone del Napoli salgono tutti da Mertens a Reina? Intanto saliamo noi, per gli altri c’è tempo. E finché c’è tempo c’è speranza». Non c’è ancora chiarezza in merito alle gerarchie relative alla porta. De Laurentiis e Reina non hanno trovato un accordo, Giuntoli sta mediando con Manuel Garcia Quillon, l’agente del portiere spagnolo. Il Napoli non ha fretta, potrebbe tenere anche a scadenza Reina e non considera assolutamente l’idea che possa partire. Karnezis è il profilo individuato per il ruolo del vice esperto, Sepe potrebbe andare via in prestito per trovare più spazio. E’ complicata l’ipotesi dello scambio con l’Udinese che, oltre Karnezis, ha in organico tre portieri: Scuffet, Meret e Bizzarri. L’arrivo di Karnezis libererebbe Sepe, in tal caso il terzo portiere potrebbe essere Radunovic di proprietà dell’Atalanta. Il serbo classe ’96, nella scorsa stagione in prestito all’Avellino, è assistito da Mario Giuffredi, lo stesso procuratore di Hysaj, Sepe e Mario Rui. Il sogno scudetto ha coinvolto ufficialmente anche il presidente De Laurentiis. «E’ l’anno buono», una frase che inquadra in un’analisi più complessiva: «Mi fa molto piacere che Milan e Inter si siano rinforzate, il campionato sarà più interessante. In serie A ci sono circa sei teste di serie; le altre, con tutto il rispetto, non sono temibili». La scelta di rinnovare l’intesa con i punti fermi del ciclo targato Sarri e altri acquisti mirati, è questa la filosofia del Napoli. «Abbiamo tenuto tutti e anche comprato», ha sottolineato De Laurentiis. Ma la campagna acquisti del Napoli non è terminata del tutto ma c’è bisogno di realizzare dei movimenti in uscita per liberare le operazioni in entrata. Il fronte più caldo porta alla cessione di Zapata al Torino, ci sono due milioni di distanza tra parte fissa e bonus tra la richiesta del Napoli e l’offerta della società granata. Ad inizio della prossima settimana, tra domani e martedì, è atteso in Italia l’agente Fernando Villarreal per sbloccare la trattativa. E’ stato, infatti, raggiunto l’accordo con l’Osasuna per l’acquisto di Berenguer per una cifra che si aggira intorno ai 5,5 milioni di euro più bonus evitando l’inserimento dello Spartak Mosca ma per concludere la trattativa deve partire prima Giaccherini. Il mercato dunque è entrato nel vivo,il Napoli vicinissimo al terzo acquisto di questa stagione. (Corriere del Mezzogiorno)