Napoli, un tesoretto da 50 milioni. Il ds Giuntoli al lavoro per definire le cessioni di Zapata, Pavoletti, Tonelli e Maggio

0

Un tesoretto da sfruttare per avere maggiore potere d’acquisto sul mercato. Il Napoli guarda ai nuovi arrivi ma anche alle cessioni. Sono diversi i calciatori in lista di sbarco che possono far sorridere le casse del club di patron Aurelio De Laurentiis intenzionato, seguendo la linea del fair play finanziario, a non fare “spese pazze” nella sessione di trasferimenti che sta per cominciare. Il primo destinato a lasciare la città partenopea è Duvan Zapata. Reduce dal prestito biennale all’Udinese, l’attaccante colombiano nella seconda parte di stagione in bianconero è riuscito a dimostrare tutto il suo valore, segnalandosi fra le punte più prolifiche del girone di ritorno. Prestazioni che non sono passate inosservate, soprattutto all’estero, dove diversi club hanno preso informazioni. In particolare l’Everton, “costretto” a trovare un sostituto di Romelu Lukaku: i 25 milioni chiesti dagli azzurri non sembrano spaventare la società di Liverpool, a differenza di Atalanta e Torino che pure si erano interessate a Zapata. Un altro calciatore destinato a salutare è Leonardo Pavoletti. Chiuso dall’esplosione di Dries Mertens e dal rientro in piena forma di Arkadiusz Milik, l’ex Genoa chiede spazio pur separandosi a malincuore dagli azzurri. La punta non partirà per una cifra inferiore ai 15 milioni ma potrebbe diventare un’utilissima pedina di scambio per arrivare ad Alex Meret, baby portiere dell’Udinese seguito con insistenza dal Napoli. L’inserimento di Pavoletti – che rientrerebbe in una maxi-operazione di mercato che coinvolge anche il terzino bianconero Silvan Widmer – permetterebbe agli azzurri di ottenere un forte sconto nell’operazione. Le opzioni per una cessione onerosa, però, non mancano: la Lazio ha sondato il terreno, il Genoa sarebbe disposto a riaccoglierlo a braccia aperte. Ma soltanto gli sviluppi del mercato potranno decidere il suo destino. La difesa della prossima stagione non conterà sull’apporto di Lorenzo Tonelli e Cristian Maggio. L’ex Empoli, frenato nell’ultimo campionato da un lungo infortunio che l’ha relegato a quinta scelta nel pacchetto dei centrali, è seguito con grande attenzione dal Torino. Il dialogo fra il ds azzurro Cristiano Giuntoli e il collega Gianluca Petrachi è ben avviato, nei prossimi giorni i granata lanceranno l’assalto proponendo una cifra intorno agli 8 milioni di euro, utile a far cadere le resistenze dei partenopei. Difficilmente verrà monetizzata, invece, la cessione del terzino destro che dopo diverse stagioni chiuderà la sua esperienza napoletana: su Maggio è forte l’interesse di Benevento e Verona, neopromosse intenzionate a scommettere ancora su di lui. Cessioni che, teoricamente, potrebbero fruttare una cifra vicina ai 50 milioni di euro, pronti per essere investiti di nuovo sul mercato. La settimana che sta per cominciare sarà decisiva per chiarire l’intrigo del portiere. Giuntoli ha in agenda un incontro con l’agente di Jose Manuel Reina per definire il rinnovo del contratto: la fumata bianca sembra vicina, in caso contrario gli azzurri si fionderanno di nuovo su Wojciech Szczesny, la cui trattativa con la Juventus si è improvvisamente interrotta. (La Città)