Sant’Agnello, assegnazione housing sociale, il punto dell’Ingegnere Antonio Elefante.

0

Sant’Agnello – Riportiamo, da un noto social, un post pubblicato  dall’ Ingegnere Antonio Elefante, con il quale il noto professionista, in modo molto concreto, fa chiarezza circa il metodo di assegnazione degli alloggi di housing sociale.  Una  vicenda  che  tuttora  continua a tenere banco nel dibattito civico e politico santanellese. (s.c.)

“In riferimento alla assegnazione degli alloggi di housing sociale sul comparto di via MB Gargiulo in Sant’ Agnello,ho letto e sentito una infinita di commenti.  Qualcuno competente, qualcuno arrabbiato e qualcuno del tutto incompetente.
Quello competente ha ben analizzato infatti e si e’ complimentato con la Amministrazione Comunale, mentre quello arrabbiato, probabilmente pronunciato da chinnon, e’ stato abbastanza fortunato ad essere estratto nel sorteggio pubblico, pazienza! Infine quello incompetente, perché troppo distratto da sollevare polemica….. tanto per…. da non aver avuto tempo per leggere e/o informarsi .
E ‘il caso..per esempio ..della clausola convenzionale che prevede una prelazione del 18% nella assegnazione degli alloggi in favore dei proprietari delle aree e tutta la stupida e assordante polemica.E’ l’occasione per chiarire a tutti quelli che non hanno letto o hanno fatto finta di leggere gli atti o se hanno letto non hanno capito! Vediamo !
– La convenzione urbanistica prevedeva che per i proprietari dell’ area ,qualora avessero avuto i requisiti per accedere ad un alloggio di housing sociale, avrebbero potuto avere una prelazione rispetto alla formazione della graduatoria, con una riserva del 18% del numero complessivo degli alloggi da realizzare. Poiché la Legge 167/62 prevede un limite del 40% di riserva in favore dei proprietari. ….tutto qui!
Nel momento in cui la Società  SHS ha rilevato parte delle aree, questa famosa riserva di alloggi alle condizioni  sopraesposte si e’ ridotta solo a due alloggi. Ovvero due alloggi riservati a soli due proprietari dell’ area che hanno optato per una permuta e che hanno i requisiti di accesso. Gli altri 8 alloggi non possono essere più riservati ai proprietari, ovvero alla societa SHS,  in quanto la società (persona giuridica) giammai potrebbe avere requisiti e quindi avere accesso ad alloggi di housing sociale .
Infine, a completare il quadro, la Giunta Municipale, dopo la stipula della convenzione , ha fatto un addeundum  stabilendo che la Societa SHS (che deve costruire o per vendere o fittare al prezzo convenzionato) non ha nemmeno la libertà di poter vendere o fittare nell’ ambito della graduatoria. Ovvero deve attenersi rigidamente al rispetto dell’ ordine sequenziale della graduatoria .
La SHS si determinerà, .nel rispetto delle regole… o a vendere o a fittare gli 8 alloggi rispettando rigidamente la graduatoria formata dal Comune e basta.
Per cui,cari amici di Sant Agnello, tutta polemica inutile che nasce maliziosamente per sollevare una questione del tutto inesistente. Tanto vi dovevo per amore della verità”. – 21 maggio 2017 – Ing. Antonio Elefante (fonte facebook)

 

 

Lascia una risposta