Amalfi convegno sulla mobilità, l’intervento di Andrea Reale

0

Amalfi, il sunto di Andrea Reale dell’incontro di oggi sulla mobilità .Le esigenze sono due: la prima è dare nell’immediato una risposta al problema drammatico del traffico veicolare, che compromette sia la qualità della vita dei residenti e sia un’ottimale fruizione turistica. La seconda è cominciare a pensare, nel lungo periodo, a una mobilità alternativa alla statale 163, che non può rimanere l’unica modalità per gli spostamenti in costiera.
Sul primo punto, una serie di accorgimenti e di interventi strutturali già programmati saranno certamente di aiuto. La costa d’Amalfi ha quattro punti di accesso (da Vietri, dal valico di Chiunzi, da Agerola e dal versante sorrentino): le moderne tecnologie consentono di monitorare il flusso veicolare, e di adottare provvedimenti programmatori per evitare i sovraffollamenti. Penso a una programmazione del numero di veicoli turistici circolanti nelle diverse ore e nei diversi periodi, così da consentirne un flusso ordinato. Poi, con la presenza degli ausiliari al traffico, con l’allargamento di taluni punti critici, con la realizzazione di alcuni by-pass in galleria per brevi tratti, con le limitazioni alle dimensioni dei veicoli, con la razionalizzazione delle autolinee pubbliche, e con il potenziamento del trasporto marittimo (e intendo: non solo per i turisti, ma con orari e costi accessibili anche per i residenti e i pendolari), l’emergenza traffico dovrebbe fortemente attenuarsi.
Ma in una prospettiva medio-lunga ciò non basta, e qui vengo alla seconda esigenza, cioè quella di una mobilità non su gomma. Perciò innanzitutto il mare, come già detto con orari e costi accessibili non solo ai turisti ma anche ai residenti e pendolari, intendo un vero e proprio servizio di linea. Poi i vettori meccanici, di impatto ambientale limitato ma di estrema utilità se progettati lungo l’intero territorio: funivie, funicolari, ascensori, tappeti mobili, scale mobili, il tutto corredati da parcheggio di interscambio per le automobili e gli autobus.
In questo modo i costi d’esercizio potrebbe divenire sostenibili rispetto al risultato, cioè la chiusura della costiera al traffico turistico privato, che equivale alla salvezza della costiera stessa.

Il Sindaco
Andrea Reale

Lascia una risposta