Piano di Sorrento, dopo la richiesta dimissioni di Ponticorvo anche il PD scarica Iaccarino: “Atti sui condoni illegittimi”

0

Il PD scarica il sindaco di Piano di Sorrento Vincenzo Iaccarino. Il tutto è scaturito da divergenze (e che divergenze) riguardanti la delibera del febbraio scorso con la quale l’amministrazione impostò delle regole per quanto riguarda materia relativa al condono edilizio. Qualche giorno il PD ha diramato un comunicato ufficiale attraverso il quale prendeva, in modo concreto e chiaro, le distanze da tali atti.

Ecco il comunicato completo:

“Il Partito Democratico di Piano di Sorrento prende atto della Delibera della Giunta comunale n° 47 del 16 febbraio in materia di condono edilizio e condivide, in linea di principio, l’esigenza di dotare l’Ufficio Tecnico di un atto di indirizzo che funga da metro di valutazione per le pratiche di condono. Da troppo tempo, infatti, i cittadini che hanno aderito ai condoni edilizi (1985, 1994, 2004) attendono l’esame e la chiusura delle loro pratiche.
Non ne condivide, però, aspetti non secondari, in quanto ritiene:
– che alcuni parti della delibera contengano un’interpretazione fortemente estensiva della normativa vigente, se non addirittura un suo superamento arbitrario e illegittimo;
– che la giurisprudenza richiamata sia insufficiente a sostenere quanto disposto nella Delibera richiamata;
– che ci sia il rischio concreto di esporre l’Ente comunale a numerosi contenziosi per atti non conformi.
Le nostre riserve sono avvalorate dal parere negativo espresso dal Segretario Comunale con nota al protocollo n°2893 del 6/02/2017, nella quale, tra i limiti legali del decreto, si mette in evidenza:
che è legalmente inconciliabile l’esercizio di attività commerciale presso immobili ancora abusivi (e sono da considerarsi comunque ancora abusivi gli immobili per i quali è stato chiesto, ma non ancora ottenuto il condono);
– che, per un indiscusso principio normativo in materia di condono, non possono essere accolte istanze di condono qualora siano state successivamente eseguite nuove opere abusive.
Per quanto sopra, il Partito Democratico si dissocia da un atto amministrativo che, per i casi in cui potrebbe essere applicato, non presenta caratteristiche di piena legittimità, e si configura in più punti come un favore predisposto a vantaggio di pochi“.

D’altronde, già in passato Antonio D’Aniello e Marialaura Gargiulo hanno già avuto in passato frizioni con il sindaco Iaccarino e con la maggioranza. Un duro attacco, quindi, che si aggiunge a quello del gruppo di opposizione Podemos nei confronti dell’assessore Sergio Ponticorvo. Nei suoi confronti è stata presentata una mozione, che verrà discussa nel prossimo consiglio comunale, con la quale si chiedono le sue dimissioni dalla Giunta per aver sottovalutato l’emergenza delle rampe (leggi qui). Ponticorvo, ricordiamo, è un assessore estremamente noto per i suoi impegni in Penisola Sorrentina e in Costiera Amalfitana (come sappiamo è che responsabile dell’ufficio tecnico di Positano).

Della vicenda Condono, però, noi ne parlammo diversi mesi fa già: leggi qui.