Sorrento, finalmente ecco la Pizzeria Trianon: “Un sogno che si avvera” – VIDEO

0

(Nella foto: Giuseppe Furfaro, Angelo Greco, Antonio Furfaro, Claudio Santamaria e Gianpiero Mahlet)

E’ finalmente giunto il momento che tanti di noi aspettavamo. La storica pizzeria napoletana Trianon, di Angelo Greco & Co., ha aperto a Sorrento, nella centralissima piazza Lauro. Un’idea che è balenata nella mente dei proprietari per diverso tempo (anni, come ci hanno rivelato) e che ora è finalmente diventata realtà: ora i sorrentini potranno godersi una delle pizze più buone della Campania, e quindi del pianeta.

La scelta della location, che sarebbe la ex sede del Bar Mayflower, è ovviamente strategica: piazza Lauro, infatti, è un punto nevralgico della città e ha bisogno di essere rilanciata come si deve. Quale migliore occasione di farlo con una storica pizzeria come il Trianon?

La Pizzeria Trianon, ricordiamo, è stata fondata nel 1923 dai coniugi Leone e prende il nome dal noto teatro che sorge nelle vicinanze alla sede storica di Napoli (in via Pietro Colletta) e che per anni ha ospitato grandissimi artisti napoletani e non solo. La stessa pizzeria era una tappa fissa per tanti personaggi di fama mondiale, come come Totò, Nino Taranto, Macario. Caratteristica peculiare della pizzeria era legata alle dimensioni della pizza: una pizza tanto grande da essere chiamata “a ruota di carro”. Una pizzeria che è, inoltre, meta di migliaia di turisti che ogni anno si riversano nella città di Napoli e che è considerata da molti inarrivabile.

“Sorrento era un vecchio desiderio nostro – ci hanno rivelato i proprietari – Ci stiamo provando da 15 anni. Un sogno che si avvera, ci dispiace solo per chi ci manca che non ha potuto vedere questo posto, ma ci guarda da lassù. Abbiamo portato in questo locale la “napoletanità”, il nostro concetto di Napoli , il vicolo virtuale, e tutto il locale è stato arredato seguendo lo spirito che da sempre ha ispirato la tradizione del Trianon Saremo aperti, come a Napoli, praticamente tutto l’anno”. Il video qui sotto dopo qualche minuto o clicca qui su Positanonews TV .

Trianon da Ciro apre anche a Sorrento Terzo locale dopo Napoli e Salerno

Essenziale e tradizionale come sempre, molto accogliente, la nuova location è caratterizzata dai toni del bianco e del rosso, con circa 200 posti a sedere tra interni ed esterno. La superficie si estende per 200 mq, 120 dei quali riservati alla clientela. Disposta su due livelli – quello superiore interamente dedicato alla clientela, quello inferiore alle cucine – la nuovissima pizzeria ha 2 forni. Il menu è molto vario, arricchito da antipasti, fritture, insalate, carne, dolci che accompagnano le storiche ruote di carretto che con i loro 36-38 cm di diametro hanno reso la pizzeria famosissima in tutto il mondo. Altra particolarità del menu è il pignatiello, un piatto fatto con i polipetti affogati nel pomodoro secondo una storica ricetta del Trianon.

Inoltre, sulle pareti interne del locale sono riportate le illustrazioni dei vicoli di Napoli: lo storico brand tiene a conservare la sua identità, legata al cuore della Napoli più antica. Il concept infatti, è quello delle atmosfere dei vicoli, che i titolari vogliono far conoscere a tutto il mondo. Parliamo infatti della Napoli che ha dato i natali ai grandi miti come Totò ed Eduardo.

Trianon da Ciro apre anche a Sorrento Terzo locale dopo Napoli e Salerno

«Di Napoli – spiegano gli amministratori Angelo Greco e Giuseppe Furfaro – affascinano i cortili e i vicoli che a nostro parere rappresentano il cuore, la parte più accogliente della città. Ecco perché abbiamo voluto riportare questo “racconto disegnato” all’interno del Trianon, perché chiunque passi si senta accolto. Questa nuova apertura ci riempie di soddisfazione, Sorrento è un crocevia mondiale a pochi chilometri da Napoli dove far conoscere i nostri prodotti non solo ai napoletani e ai sorrentini, ma anche ai turisti che provengono da tutto il mondo. Anche per questo abbiamo voluto arricchire l’offerta, per offrire non solo la pizza ma anche le altre prelibatezze della nostra gastronomia.».

Lascia una risposta