Concordia, giovedì Schettino in Cassazione: avvocati difensori chiedono annullamento condanna

0

Arriva in Cassazione il processo a Francesco Schettino, l’ex comandante della Costa Concordia. Il prossimo 20 aprile è stata fissata l’udienza davanti alla quarte sezione della Corte Suprema: Schettino, ricordiamo, è stato condannato in appello a 16 anni di reclusione. Una tragedia che nessuno di noi può dimenticare, con il naufragio della nave al porto dell’isola del Giglio il 13 gennaio del 2012, il quale portò alla morte di 32 persone.

In seguito al processo in primo grado al Tribunale di Grosseto, a maggio scorso la Corte d’Appello di Firenze aveva confermato la condanna a 16 anni, la Procura ne aveva chiesti 27. Il ricorso in Cassazione è stato presentato da Schettino tramite gli avvocati Saverio Senese e Donato Laino chiedendo l’annullamento della condanna per una serie di vizi procedurali.

La tesi dei difensori di Schettino si fonderebbe sul fatto che sarebbero stati commessi una serie di errori di diritto consumati ai danni dell’imputato da entrambi i giudici di primo e secondo grado e quindi chiedono che la Corte di Cassazione annulli la sentenza. La stessa richiesta della Procura generale di Firenze, che però cerca una pena più pesante e giudica quella stabilita troppo lieve.

Clicca qui per vedere il video in cui Schettino ha riferito la sua tesi.

Lascia una risposta