ANIMALI SULLA SPIAGGIA DI META

2

Meta  ( Sorrento – Penisola sorrentina ) . Buon giorno, mi chiamo Marco Esposito, ieri mattina mi sono recato con i miei 2 nipotini di 3 e 4 anni a fare una piccola gita sulla spiaggia di meta,mentre i bimbi giocavano sulla sabbia, si sono avvicinati a loro 2 cani incontrollati dal proprio proprietario, mia moglie ha richiamato l’attenzione del proprietario dei cani, il quale con tono minaccioso le chiedeva se avessero paura dei cani, a quel punto, gli è stato risposto che oltre ad avere paura, noi non siamo amanti di cani, e che i loro cani avevano fatto i propri bisogni sulla sabbia senza nessun controllo e senza nessun ritiro degli escrementi da parte dei proprietari.La discussione è continuata per un bel po finchè il proprietario dei cani, “senza pulire gli escrementi dei propri animali” ha deciso di andare via.Ho fatto molta fatica ad evitare di intervenire in presenza di bambini. Vorrei sapere se dovesse ripresentarsi una situazione del genere, a chi devo rivolgermi per il rispetto delle leggi sul controllo dei cani, e se esiste un regolamento comunale”a Meta” per il controllo dei cani sulle spiaggie, sembra che sia più tutelati i cani che i bambini. Premetto, rispetto gli animali, ma non i proprietari che non rispettano il prossimo e nemmeno l’ambiente a discapito delle persone. Marco Esposito

2 COMMENTS

  1. ormai e’ tutta la penisola sorrentina ed i suoi marcia
    iedi ad essere diventati deposito degli escrementi di cani i cui padroni sono il massimo dell’incivilta’

  2. per non parlare poi di viale nizza a Sorrento dove si possono notare cani a passeggio lasciare urine su ogni palo della luce e su ogni saracinesca dei negozi, praticamente camminare con un bambino piccolo oppure spingere un passeggino e’ diventato puro esercizio di slalom tra urine e feci lasciate a terra e non raccolte, ovviamente dei vigili urbani a controllare ogni tanti questi padroni neanche l’ombra e poi l’amministrazione comunale si vanta di quanto sia civile e vivibile Sorrento, beh forse e’ il caso che si andassero a fare un giro un po’ fuori dai nostri confini comunali per rendersi un po’ conto di quanto siamo indietro

Lascia una risposta