SANT’ANTONINO A SORRENTO , CASTI AMANTI A POMPEI PER SAN VALENTINO E IL WEEK END – FOTO E VIDEO

0

AGGIORNAMENTI CON TUTTI GLI EVENTI DEL LUNGO WEEK END DI SAN VALENTINO E SAN ANTONINO ( In apertura bellissima Foto Luigi Garbo ) La esclusiva visita ai Casti Amanti negli scavi di Pompei e Sant’Antonino a Sorrento sono gli eventi che segnaliamo principlamente, ma anche altri…A Sorrento attesi migliaia di fedeli da tutta la Penisola Sorrentina e dintorni  che, come tradizione, raggiungeranno la Basilica per partecipare alle funzioni e scendere nella cripta, il cosiddetto “succorpo”, che ospita le spoglie di Sant’Antonino. Tutti si segnano con l’olio benedetto, di cui è unta la lamina d’argento posta dietro la statua del patrono. In tanti si soffermeranno davanti alle tele che raffigurano gli interventi del Santo a protezione della gente di Sorrento, come la liberazione dalla peste del 1656.

In occasione della festa si svolge anche la tradizionale processione (che parte dalla Basilica alle ore 9) dietro l’antica statua d’argento, opera dell’orafo Scipio di Costantio del 1574, portata a spalle per la città dagli uomini di mare di Marina Piccola, con autorità civili e militari e le confraternite laicali.

Accanto alle funzioni religiose, Sorrento con la festa di Sant’Antonino si rianima in vista della nuova stagione turistica. Con il mercatino sul corso Italia e la vetrina delle piante destinate ad alimentare il patrimonio arboreo dei giardini sorrentini in via San Renato. E con una fitta ragnatela di bancarelle e angoli di arte varia.

Sabato si è festeggiata la  Giornata Mondiale del Malato con Nostra Signora di Lourdes sabato 11 febbraio alle 11.00 nella chiesa di Lourdes a Marano , insieme al Vescovo Monsignor Francesco Alfano. Domenica con il Gruppo di Ciro Ferrigno la storia di Bernardette nella chiesa di Santa Teresa a Piano alle 18.30 con musica e canti del Maestro Anna Maria Gargiulo.

Per gli amanti del trekking Agerola offre gratuitamente escursioni sui sentieri del latte. Nel pomeriggio alle 17.00 il libro di Cuomo le famiglie dell’ottocento. A Napoli giornata del cioccolato a Piazza Carità, ove gli inviati di Positanonewtv hanno riportato video e foto. Anche Pompei partecipa alla festa di San Valentino con l’apertura straordinaria della Casa dei Casti Amanti, video allegato.

 

 

SENTIERI DEL LATTE   AGEROLA    Appuntamento ore 8:30 località Traforo.

Questo itinerario è un percorso di trekking escursionistico con passaggi montani, zone sterrate e sentieri di montagna, alla scoperta di vedute uniche del Golfo di Napoli con dei tratti impegnativi in salita ed in discesa.
È consigliata una buona preparazione fisica, abbigliamento comodo ed “a strati”, giacca a vento e scarpe da escursionismo. Inoltre è consigliato venire muniti di pranzo al sacco.
La durata effettiva del percorso, soste escluse, è di 5 ore per un totale di 8,5 Km con un dislivello di +/- 350m
Il rientro al punto di partenza è previsto con pulmino organizzato dal Comune in località Fiobana, oppure a piedi risalendo da Campora al Traforo. Oppure si può fare appuntamento al Palasport, e trasporto con pulmino del Comune fino al Traforo, così al rientro si arriva a piedi al Palasport.
L’evento è a partecipazione libera (senza prenotazione) e gratuita.
Per info: +39 3661929884 | +39 3402918639

 

Risultati immagini per sentieri del latte

 

 

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

 

 

Festa del Cioccolato Napoli 10 – 14 Febbraio 2017

 

POMPEI LA CASA DEI CASTI AMANTI PER SAN VALENTINO

In occasione della festa di San Valentino, per un lungo week end a partire da sabato 11 a martedì 14 febbraio, la Soprintendenza Pompei apre le porte della Domus dei Casti Amanti.

Aperta per la prima volta nel 2010 e poi richiusa, verrà in via straordinaria proposta alla visita del pubblico prima dell’ avvio del grande cantiere che ne consentirà il restauro globale e la valorizzazione, oltre che la riconfigurazione delle scarpate dell’area.

La casa fa parte di un’unica grande Insula che comprende anche la Domus dei Pittori al Lavoro e alcune botteghe, e si estende per oltre 1500 mq.

Il nome origina dal bacio “casto” che due amanti si scambiano in uno dei quadretti di banchetto che decorano il triclinio della casa, con annesso panificio.
Si trattava infatti dell’abitazione di un ricco panettiere e all’interno della domus sono visibili oltre al forno del panificio, splendidamente conservato, con le annesse macine anche le due stalle con i resti di sette animali.
Ancora non integralmente esplorata, Vittorio Spinazzola nel 1912 aveva iniziato l’indagine della facciata con il balcone con colonnato, poi danneggiato nel bombardamento del 1943.
Lo scavo è proseguito, a più riprese, dal 1982 fino al 2004, con un ampio progetto di restauro e valorizzazione.
Poco prima dell’evento drammatico del 79 d.C., erano in corso la risistemazione della rete idraulica e, nella Casa dei Pittori al lavoro, il rifacimento della decorazione parietale nel grande oecus: l’interruzione improvvisa lasciò incompleti i quadretti dei quali era già eseguita la sinopia. Indizio dell’abbandono repentino dei lavori sono le numerose coppette ancora piene di pigmenti che l’artista stava adoperando.

L’accesso sarà consentito a massimo 20 persone alla volta e sarà regolamentato all’ingresso della Domus. Non è richiesta prenotazione.

Lascia una risposta