Amalfi: domani, 3 febbraio, si festeggia San Biagio

0
14

Domani 3 febbraio si festeggia San Biagio vescovo e martire, protettore della gola e la città di Amalfi, come ogni anno, omaggerà la figura del santo in modo particolare. La ricorrenza, infatti, è molto sentita tra gli amalfitani.

Proprio nel Comune della Costiera Amalfitana è presente una splendida chiesa dedicata a San Biagio, una chiesa risalente al 1082, donata dal duca Roberto il Guiscardo all’Abbazia di Montecassino. Una chiesa che è caratterizzata da decorazioni prevalentemente barocche, con pavimento in ceramica risalente alla fine del 18° secolo, mentre il campanile risale alla fine dell’Ottocento. Nella chiesa in questione ogni 3 febbraio si svolge la festa di San Biagio, con numerose sante messe svolte fin dal mattino e la storica funzione dell’unzione della gola con olio benedetto: si narra, infatti, che durante la prigionia ad opera dei Romani guarì miracolosamente un giovane che aveva una lisca di pesce conficcata nella trachea, perciò ad oggi è anche protettore della gola. La Chiesa, inoltre, è sede della Confraternita della SS. Trinità dal 1577.

San Biagio era originario di Sebaste, vissuto tra il III e il IV secolo a Sebaste, appunto, in Armenia, dove divenne vescovo della città dopo esser diventato medico.

Lascia una risposta