La storica avventura del “Vico Equense Calcio”

0

Vico Equense – Poco meno di trenta giorni per rivivere un sogno lungo cinquantatre anni.  Patrocinato dalla Regione Campania, dal comune di Vico Equense e in collaborazione con l’A.S.D. e il Circolo Sportivo-Culturale della città equana, dal 17 al 19 Luglio si svolgerà l’evento “Premio ExC Vico Equense”, che avrà come tema principale: il gioco del calcio. Tre giorni di lavori per riportare alla memoria di chi, in prima persona, ha segnato la storia della squadra dagli albori fino ad oggi e dei tanti tifosi che l’hanno sostenuta e continuano a sostenerla dal 1958. “La manifestazione vuole dare un giusto riconoscimento a tutti coloro che, a titolo di presidenti, dirigenti, allenatori e giocatori, hanno militato nel Calcio Vico in questi cinquant’anni”- spiega il responsabile dell’organizzazione Dott. Giuseppe Visconti – “numerosi saranno gli sportivi  presenti nei tre giorni del “Premio ExC Vico Equense”, per rimettere in “campo” quelle formazioni che li hanno resi protagonisti di incontri calcistici memorabili. Partite che sono impresse nei ricordi di tutti quelli che hanno seguito, con passione, le vicende del Vico Calcio, sia nei momenti esaltanti che in quelli meno fortunati” conclude il coordinatore dell’evento. L’iniziativa, promossa dallo storico capitano Ciro De Gennaro, vuole essere un momento di aggregazione e socializzazione che sarà, anche, immortalata grazie alla collaborazione del Servizio Commerciale delle Poste Italiane S.p.a., che ha predisposto un annullo speciale, datato 19.07.2011, dedicato all’avvenimento sportivo. Domenica 17 luglio, presso la Villetta Comunale in Via Nicotera, avrà inizio la manifestazione con l’apertura della mostra fotografica e la proiezione di filmati d’epoca. Il giorno 18 si disputerà il torneo di calcio-balilla, giocato col sistema del doppio a volo con numero massimo di 36 coppie. L’ultima giornata sarà, invece, dedicata alla premiazione e alla consegna del folder per il bollo riservato, presso il Chiostro del Complesso Monumentale della S.S. Trinità.

 

 

Elena Pontoriero

Lascia una risposta