Flash, Elvis Presley, Giorgio Gaber

0

 Elvis Presley, Giorgio Gaber

C’era Elvis Presley rocker, fornitore di fanfaronate, spezza cuore, un grande guitto, racciudeva dentro di se l’America; c’era Presley; ci manca e purtroppo non può tornare come c’era Gaber, era inimitabile e libero, soprattutto libero;detestato dagli intellettuali di regime e dal Potere, quello con la P maiuscola che fece uccidere Pasolini, un’altra voce critica del secolo scorso; Gaber diceva vent’anni fa cose che il pensiero omologato rifiuta ancora oggi.

“I partiti sono inadeguati a rappresentare la gente. Ora sembra che – non votando o votando cose senza senso e stravaganti – almeno un italiano su tre l’abbia capito, forse anche di più. Gli unici che non se ne accorgono sono loro, i partiti, che si ostinano a restare, magari rinnovandosi”. (1993) Destra, sinistra, centro sono etichette scomparse. Esistono uomini di destra, di sinistra o di centro. Il superamento della forma partitica significa questo: concedere alla gente di votare le persone”. (b.g) (g.f.)