Calcio scommesse – Nuovo colpo di scena: trovati 450.000 euro (Monica Scozzafava responsabile dell´area comunicazione )

0

TROVATI 450.000 EURO – Si sono conclusi sabato gli interrogatori nell’ambito dell’inchiesta calcioscommesse, interrogatori che riprenderanno lunedì, ma la giornata di ieri non ha risparmiato ulteriori colpi di scena. L’ultimo riguarda i circa 450.000 euro in assegni e titoli ritrovati dagli investigatori della Squadra Mobile in uno studio di Bologna dove venivano pianificati i match considerati più interessanti dal gruppo degli scommettitori “Bolognesi”, a cui apparterrebe anche l’ex calciatore Beppe Signori (foto AP/LaPresse).

 

Soldi che comproverebbero lo scambio di denaro tra i partecipanti del gruppo, soldi che costituirebbero una sorta di garanzia rilasciata da Marco Paoloni, il portiere che ha somministrato sonnifero ai compagni e ora in carcere, e Antonio Bellavista, ex capitano del Bari, oltre che da Erodiani, titolare per interposta persona di agenzie di scommesse che permetteva ai bolognesi di rifarsi nel caso in cui qualcosa non fosse andato per il verso giusto nelle scommesse.

 

L’ATALANTA SCEGLIE I LEGALI – Intanto, nella serata di sabato l’Atalanta ha scelto i legali per difendere la propria posizione. “Nel ribadire integralmente quanto già comunicato – si legge nella nota della società bergamasca –, l’Atalanta BC informa di aver affidato agli avvocati Jean-Louis Dupont, Luigi Chiappero dello Studio Chiusano e Gian Pietro Bianchi dello Studio Morelli l’incarico di assistere e tutelare le proprie ragioni, i propri interessi e la propria immagine in ogni più opportuna sede”.

 

Seguono aggiornamenti!

Eurosport                   scelto da michele de lucia 

Monica Scozzafava responsabile dell’area comunicazione della SSC Napoli

La Società Sportiva Calcio Napoli comunica che, a far data da lunedì 6 giugno, amplierà la propria struttura con l’inserimento di una nuova figura professionale che ricoprirà il ruolo di Responsabile dell’area comunicazione. Per tale incarico è stata scelta la giornalista Monica Scozzafava che coordinerà il lavoro dell’ufficio stampa affidato a Guido Baldari nella sua qualità di Capo ufficio stampa. Alla dottoressa Scozzafava gli auguri di buon lavoro della Società Calcio Napoli.

 

BETTARINI SI DIFENDE: “COME
QUANDO PERSI SIMONA”

ROMA – «Non faccio parte di nessuna organizzazione», così si difente Stefano Bettarini, finito tra gli indagati nell’ambito dell’inchiesta relativa al nuovo scandalo scommesse che sta scuotendo il calcio italiano.
«Non sono recidivo, non sono uno scommettitore», prosegue, «Ho già pagato ingiustamente una volta, non voglio che capiti ancora». 
L’ex calciatore dice di non essere uno scommettitore «accanito o sistematico», intervista per il Corriere della Sera. «Con gli amici lo faccio anche per goliardia. Il calcio è ancora il mio lavoro. Scommetterci sopra è anche un modo per mettere alla prova la mia competenza. Tutto qui», dice. Bettarini è stato coinvolto in un’inchiesta già nel 2004 e ha subito un provvedimento a livello sportivo. Quest’anno, aggiunge, «in totale ho perso 6.500 euro. Gioco soprattutto i sistemi». L’ex capitano del Bari Antonio Bellavista «mi chiedeva opinioni e pronostici», dice Bettarini. In merito alla chicca su Inter-Lecce, «ne diceva tante. Ne avesse mai azzeccata una». Quanto a Massimo Erodiani, considerato il promotore della presunta organizzazione, «non so chi sia. Forse usa il mio nome, come faceva il mio ex compagno del Modena» che «mi tirò in ballo prima della partita con la Sampdoria, dove all’epoca giocavo». In quell’occasione, sottolinea, «la Commissione disciplinare mi assolse dall’accusa di illecito sportivo dandomi 5 mesi di squalifica per omessa denuncia, senza mai appurare se davvero mi fosse stata offerta la combine».

«Con le accuse del 2004 cominciò la fine del mio matrimonio con Simona Ventura, sono convinto di questo. Lei temeva di perdere la conduzione di Quelli che il calcio, e posso anche capirla, con un marito accusato di illecito sportivo. Il resto della nostra storia lo conoscono tutti».

“DAMMI UNA CHICCA” Nel giro degli scommettitori indagati dalla procura di Cremona viene chiamato ‘il bello’, Stefano Bettarini, ex calciatore e volto noto televisivo. Nelle pagine dell’ordinanza del gip Salvini, Bettarini viene associato alla partite Atalanta-Vicenza, Inter-Lecce e Padova-Atalanta, Siena Sassuolo. La conferma del suo coinvolgimento nella pianificazione e nel successivo guadagno illecito derivato dalle scommesse sul primo incontro, rileva il gip, «si ricavava leggendo il messaggio datato 18 marzo 2011 delle ore 13.32 nel quale Bellavista Antonio (uno degli arrestati, ndr) comunicava quanto di seguito meglio indicato ad una persona allo stato non identificata che utilizzava una scheda telefonica sim intestata a una cittadina rumena abitante a Bitonto (Ba): ‘Fai 1852 al Bello (Bettarini Stefano) 1 Atalanta i soldi li ha Angelo lui è in attivo».

Per quanto riguarda Inter-Lecce, in una telefonata del 19 marzo scorso ancora Bellavista propone all’ex marito di Simona Ventura di giocare un ‘over’ (scommettere su un numero di gol superiore a 2), «facendo chiaramente intendere – annota il gip – che il risultato era sicuro come quello da loro giocato in precedenza su un altro incontro di calcio. Continuando nella conversazione il Bettarini riferiva che comunque era importante lavorare bene ‘..non come oggì, riferendosi all’incontro di calcio Atalanta-Piacenza dove con la scusa di prendere denaro da più parti erano state fatte crollare le quote».

Ecco l’intercettazione, i cui autori sono un «uomo dall’accento toscano» (l’utenza è intestata a Bettarini) e Bellavista.
BELLAVISTA:…..Per domani se ti do una chiccà?
UOMO Toscano:…Nooo!!!
BELLAVISTA:….ehh…ci sto a lavorare vediamo…un over.
UOMO Toscano:…..allora spero che la chicca me la dai pure a me.
BELLAVISTA:…..ti piace un over?
UOMO Toscano:……siii?
BELLAVISTA:….mi devono dire come quello dell’altra volta.
UOMO Toscano:…dai
BELLAVISTA:…si si
UOMO Toscano:….è sempre lo stesso?
BELLAVISTA:….si è stavolta mi butto testa e piedi dentro
UOMO Toscano:….si ecco stai attento che mi fai fare danni adesso.
BELLAVISTA:….eh oh …io vado stavolta poi ti dico se….mi dici te cosa vuoi fare.
UOMO Toscano:…..Eh basta che non te lo dice all’una
BELLAVISTA:…..ehhhh sempre così a quell’ora, te tieni sempre il telefono con te sì, sempre così come l’altra volta..
UOMO Toscano:…eh va beh l’importante l’importante che….
BELLAVISTA:…eh no l’hai visto…
UOMO Toscano:….lavorare bene non come oggi che hanno lavorato
BELLAVISTA:…..l’altra volta ti ho detto una cazzata?
UOMO Toscano:…..no no
BELLAVISTA:….oggi hanno fatto poco….roba da macello
UOMO Toscano:…sì roba da…da ufficio….quando si muovono loro fanno sempre casino BELLAVISTA:….sono stati ….(incomprensibile)….perchè vogliono pigliare da più parti secondo me…va beh pazienza.

Per Siena-Sassuolo, viene riportata un’intercettazione telefonica tra Bellavista ed Massimo Erodiani (un altro degli arrestati),
ERODIANI: …no perchè ha chiamato il ‘Bellò che il Siena si è mosso di persona per…
BELLAVISTA: sì sì me l’ha detto pure a me
ERODIANI: ah te l’ha detto pure a te quindi
BELLAVISTA: sì quello che dice il Bello mo bisogna vedere boh
ERODIANI: è va boh ti chiamo io mo sto andando in agenzia a parlare con lui va boh ciaofonte:leggo