Piano, staffetta tra i consiglieri, la proposta del prof. Antonio Volpe

0

Prof. Volpe, quali commenti sui risultati elettorali a Piano di Sorrento?Per soli 9 voti le è mancata l’elezione…
Bè , come già detto nel comizio finale, il risultato era ampiamente prevedibile. La sconfitta  della nostra lista è però evidente. Non abbiamo raggiunto nemmeno il 25% dei voti, che ci veniva accreditato dagli stessi avversari politici. E non certo  per il passaggio di 4 consiglieri di minoranza nella maggioranza e per l’inspiegabile scelta dell’IDV che hanno portato alla lista vincente di Ruggiero un bagaglio totale di  1.580 voti. Infatti se sottraiamo  questi voti al totale  di 5.990 abbiamo comunque ben 4.410 voti per lo schieramento di  Ruggiero.  Cioè oltre 300 voti in più delle passate elezioni quando vinse di misura su Gargiulo….La realtà è che la gente ha votato il cavallo annunciato vincente , si è preferita una scelta sicura ed inoltre più che i programmi l’elettorato ha valutato le persone … E questo in controtendenza rispetto ai risultati nel resto d’Italia dove il centro destra perde di brutto. Ma è una storia vecchia …Qui ci svegliamo sempre un po’ tardi…
Cosa vuol dire..?
 La lista Ruggiero da questo punto di vista  aveva il vantaggio di schierare oltre che numerosi  Assessori e Consiglieri uscenti  (alcuni dei quali hanno per la verità ben operato) anche le solite professioni “acchiappa-voti” (in primis Medici  per un tot. di 1.245 voti, commercialisti – avvocati per un tot. 937 voti e commercianti-imprenditori per un tot. di 2.174 voti…)… con noi non c’erano medici… né imprenditori di successo…ma questo per giocare un po’ coi numeri…
Ci sono altre ragioni?
Senz’altro nel complesso la lista Ruggiero è apparsa all’elettorato moderato di centro-destra di Piano di Sorrento “più affidabile”, “da governo”, allineata con il Governo nazionale(non a caso è venuto il capogruppo PDL on.le Lupi a battezzare la lista). E cosa da non sottovalutare  ha avuto l’appoggio di deputati, senatori, sottosegretari, ex-onorevoli, sindaci,assessori comunali e provinciali…scesi compatti sul campo di battaglia ad appoggiare i loro delfini… Dalla nostra non c’erano né padroni né padrini…solo liberi cittadini senza santi in paradiso… E’ più facile, quando si ha il potere, fare tante promesse, prendere impegni con  gli  elettori(basterebbe andare a vedere le delibere, i permessi e le licenze rilasciate da sindaco e assessori negli ultimi 30 giorni)…Il divario in campo si può registrare anche per quanto riguarda l’investimento  economico: Ruggiero ha avuto un bel po’ di soldi in più per comprare spazi pubblicitari, stampare manifesti, fare cene, eccetera… da quest’altra parte avevamo solo molti volti nuovi , giovani validi ma alle prime esperienze, tanta buona volontà che non  poteva certamente  bastare per vincere l’ “ Invincibile armata” di Ruggiero…ma la storia ci insegna che anch’essa fu alla fine sconfitta dalle condizioni meteorologiche avverse e dalle agili piccole navi dei corsari della regina Elisabetta I….
Ritiene che la gente abbia votato dunque in modo clientelare le persone e non i programmi?
Certo come sempre d’altronde, anche se non dovrebbe essere così. Si sarebbe dovuto valutare un bilancio consuntivo di questi  ultimi 5 anni e i programmi, gli impegni per il futuro… ma poi alla fine ha  prevalso il voto clientelare e di simpatia…Ho contattato almeno 500 persone, 111 mi hanno votato, li ho convinti unicamente  parlando del nostro programma, non avevo null’altro  da offrire (né posti, né licenze, né favori…)…gli altri mi hanno risposto che votavano Tizio o Caio, perché era il loro medico o il loro commercialista di fiducia ma nessuno, dico nessuno, ha motivato questa scelta dicendo che il programma di Ruggiero era più bello del nostro, credo anzi che nessuno abbia letto quel programma, avrebbero votato diversamente … Dirò di più, qualcuno mi ha detto che, sebbene fosse decisamente contrario alla cementificazione del territorio prospettata da “Piano futura”, avrebbe comunque votato Ruggiero perché “E’ meglio stare coi più forti, non si sa mai…si ha sempre bisogno di un posto , di un permesso”, “votare per voi  è “fare un buco nell’acqua”, “siete persone oneste ma inutili”…e via di questo passo, ma grazie per la sincerità…Intanto per il paese sento solo gente che si lamenta … Dopo la sbornia elettorale, c’è stato il risveglio da quel sonno dogmatico(“Io voto solo chi mi può essere utile per i miei affari personali e non chi risolve i problemi della collettività”) così tutti ,dico tutti, son tornati a lamentarsi del traffico, delle vigilesse,della TARSU,della mancanza di una scuola nel centro cittadino, del mancato decollo del borgo di Marina di Cassano, della crisi generale del commercio e delle attività artigianali, della situazione di abbandono delle periferie con le strade sporche e le aree verdi chiuse…problemi che la vecchia amministrazione non ha risolto in 5 anni … Invece di eleggere degli amministratori “pubblici”, che avrebbero dovuto occuparsi dei problemi della “collettività”, cioè di tutti, abbiamo espresso la nostra preferenza per il medico “personale”, per il commercialista “di fiducia”… Ma così si fa confusione: finiremo con i medici che firmeranno le ricette col timbro di Assessore ai lavori pubblici e viceversa una licenza verrà redatta sul ricettario del Servizio sanitario nazionale … Bisogna valutare le capacità di essere un pubblico amministratore non quelle professionali personali … chi mi ha fatto assumere in una compagnia di navigazione non ha fatto un atto di natura pubblica, ma di natura privatistica … Purtroppo il sistema della preferenza unica accentua ancora di più la dipendenza personale dell’elettore  dal suo candidato e dell’eletto dai suoi clientes, il “DO UT DES” , il voto di scambio, “una licenza a me, un voto a te”, “un posto a me, una voto a te”, relega in secondo piano gli interessi generali  promuovendo l’egoismo  e il commercio elettorale…le elezioni diventano partite truccate…il voto di opinione non ha quasi alcun peso elettorale, la progettualità, i programmi passano in second’ordine…I Comuni diventano delle macchine mastodontiche che gestiscono in modo clientelare le risorse pubbliche , beneficiando gli amici degli amici ,si fanno opere pubbliche perché ci sono soldi da spendere e non perché sono utili per il paese… Oramai il nichilismo mercantile produce megaprogetti per sfruttare risorse europee, e la casta dei progettisti ha perso la visione etica della progettazione urbana, il fine sociale dell’atto amministrativo, che diventa non mezzo ma fine per gestire risorse economiche e basta…Non si fanno case per giovani coppie e famiglie povere ma box per auto! Si distruggono giardini secolari per sete di guadagno! Così desertifichiamo il nostro ambiente e sgretoliamo quel tessuto sociale, quel delicato equilibrio di tradizione e fiducia nell’avvenire, per cogliere solo l’attimo, rapinare… lasciando ai nostri figli  un territorio più povero di risorse di  come l’abbiamo trovato…Eppure quando il 19 marzo 1992 Giovanni Paolo II venne nella sua visita pastorale in penisola sorrentina, visibilmente  commosso, lodò il mare, le colline, i giardini, l’aria di questo nostro piccolo paradiso terrestre invitandoci a preservarlo dall’incuria e a ringraziare Iddio per questo immenso dono…E poi denunciò la camorra che imperversava nella vicina Castellammare. Parole coraggiose che non ho sentito pronunciare da nessun politico dal 1992 ad oggi… Noi, popolo a parole ultracattolico,sempre in prima fila nelle processioni del Venerdì Santo “per farci vedere”, invece di pentirci per i nostri peccati personali e politici, che facciamo? Distruggiamo  la terra dei nostri padri per un pugno di euro…Ci sarebbero gli estremi di una scomunica se fossimo nel Medioevo… La gerarchia della Chiesa locale cosa fa ? Perché non fa sentire forte ed autorevole la sua voce?

Come si spiega tanto interesse dei politici locali e nazionali per il voto amministrativo di una piccola cittadina come Piano di Sorrento?
C’era una doppia partita in giuoco: una grande torta da spartire con questi megaprogetti(quasi 100 milioni di euro tra fondi europei , regionali, comunali e non) e, come ho già detto, le “primarie” per scegliere, oggi, il futuro candidato sindaco del 2016…Intanto so che ci sono diverse indagini in corso, è fioccata anche una prima condanna in primo grado per un imprenditore colluso con la camorra che intrattiene rapporti con tutte le amministrazioni comunali della penisola sorrentina …e si parla anche di alcuni avvisi di garanzia … Come cittadino la cosa mi preoccupa non poco … Quando ci sono troppi interessi in gioco, nemmeno le persone perbene bastano… E fino a prova contraria Ruggiero è una brava persona, ma fin quando riuscirà  a tenere a freno tanti appetiti? Intanto le “primarie” hanno decretato gli aspiranti sindaci del 2016… ora la corsa per le alleanze è aperta e temo che questo inciderà non poco sulla governabilità di Piano di Sorrento …Sono convinto che sia stata solo una classica  vittoria di Pirro…che tra l’altro non ha premiato i volti nuovi che Ruggiero ha gettato nella competizione sacrificandoli inutilmente.

Quali prospettive ci sono invece per il movimento “In primo piano” dopo questo voto?Vi aderirà?
Si vuol costituire un’Associazione denominata “In primo piano”…ci sono tante persone che vogliono partecipare… Se richiesta, darò una mano.

Ha delle proposte in merito?
In verità avrei molti suggerimenti che vorrei sottoporre all’attenzione dell’assemblea costituente il 3 giugno. Ne anticipo alcuni:
1) Realizzazione di un sito web e  di un giornalino informativo da recapitare a tutte le famiglie di Piano e la diretta web dei consigli comunali
2) Un Corso di formazione per futuri amministratori comunali gratuito aperto a tutti i cittadini per avere competenza e professionalità(non ci si improvvisa consigliere o assessore)
3) Incontri pubblici(per Frazioni e categorie professionali:Commercianti,pescatori,ecc.) e tavole rotonde con esperti per dibattere con i cittadini i principali problemi di interesse pubblico ed evitare scelte calate dall’alto, frutto solo dell’interesse di pochi speculatori
4) Mozioni, interpellanze,raccolte firme da porre all’odg del consiglio comunale
5) Referendum consultivi(da far inserire come da legge nello statuto comunale)
6) Gruppi di lavoro aperti ai cittadini coordinati da “assessori ombra ”su Commercio, Artigianato, Scuola Cultura e Pubblica Istruzione, Sport,Villa Fondi,Edilizia pubblica, Problema casa,Ambiente,Viabilità, Porto e Borgo di Marina di Cassano, Tassa spazzatura, Federalismo fiscale,Assistenza sociale fasce deboli anziani,giovani,diversamente abili, eccetera)
7) Alternanza in consiglio comunale

Ci vuole illustrare in particolare quest’ultimo punto?
Se ne è parlato prima delle elezioni su proposta di alcuni candidati ed è una pratica che è stata più volte applicata anche in penisola sorrentina.Ricordo che in almeno tre elezioni a Sorrento, soprattutto in presenza di liste civiche nate dall’aggregazione di più movimenti civici, si è realizzata un’alternanza democratica di consiglieri.  Lo scopo è incentivare la partecipazione democratica di tutti i candidati, offrire a tutti la possibilità di fare esperienza, rendere il gruppo più coeso con un maggiore scambio e collaborazione tra gli eletti che andranno di volta in volta a ricoprire l’incarico e la base degli elettori. Fare il consigliere è un servizio reso alla cittadinanza non una professione o un trampolino di lancio per successi personali. In questo modo tutti i coraggiosi 1.920 cittadini che ci hanno sostenuto non si sentiranno frustrati per un “voto andato  perso”e avranno la possibilità di vedere il loro candidato ricoprire il ruolo di consigliere … e la prossima volta potremo schierare ben 16 consiglieri uscenti, galvanizzati da questa esperienza! Non si può disperdere un prezioso patrimonio di voti e candidati che comunque si sono impegnati ed hanno creduto in un’alternativa al “sistema” Ruggiero .Il prossimo 6 giugno col primo consiglio comunale, il nostro candidato sindaco Gianni Iaccarino potrebbe già rendere pubblica la nostra proposta … che potrebbe essere adottata , perché no? Anche dalla maggioranza…per fugare ogni dubbio :  si concorre non per  interessi personali ma per realizzare un programma elettorale condiviso da tutti i candidati (eletti e non eletti) per il bene del paese!!

Ha già una proposta concreta?
Certo, in base al numero dei voti vorrei proporre il seguente schema che offre garanzia agli eletti in prima battuta di avere più tempo a disposizione per svolgere il loro mandato , ma offre agli altri che subentrano in seconda battuta comunque la chance di ben figurare e fare esperienza:
Giovanni Iaccarino: 5 anni
Antonio D’Aniello:4 anni subentra  Assia Astarita
Anna Iaccarino: 3 anni subentrano in successione Antonio Volpe , Giuseppe Castellano e Maria Grazia Aiello
Stefania Castellano: 2 anni subentrano in successione Gino Ponticorvo, Gennaro Gatto, Anna Persico e Lello Somma 
Vincenzo Parlato: 2 anni subentrano in successione Raffaele Esposito, Gianfranco Russo, Biagio Verdiccchio e Eduardo de Vita