Bersani scherza: abbiamo pareggiato 4-0. Il Pdl incassa la sconfitta. Bossi: Lega ha fatto il suo dovere

0

Umberto Bossi non ha alcuna intenzione di intestarsi la responsabilità della sconfitta. «La Lega – avverte – ha fatto il suo dovere». E una sconfitta sonora sembra in effetti profilarsi per la maggioranza e i commenti non mancano di rimarcarlo anche se i toni sono diversi. Così c’è chi, come Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera, già mette le mani avanti minizzando gli effetti della batosta sul prosieguo della legislatura. «La sconfitta pressoché certa a Milano e a Napoli è un avvertimento serio» per la maggioranza «da cui però non traggo nessun elemento di valutazione generale» sulle sorti del governo. Insomma, quale che sia il risultato (e per ora è il centro-sinistra a esultare) Silvio Berlusconi e la sua maggioranza non cadranno. Ma il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, assapora la vittoria piena e scherza con i suoi. «Abbiamo pareggiato 4-0».

Il Pdl incassa la sconfitta: abbiamo perso 
Ma le analisi meste comunque non mancano, malgrado l’avvertimento di Cicchitto. È il caso diGaetano Quagliariello, vicecapogruppo al Senato del Pdl, che sottolinea come «se andasse secondo questi sondaggi si dovrebbe dire che le elezioni sono state perse, senza mezzi temini». Proprio quello che già dice il sottosegretario Carlo Giovanardi che ai microfoni di una tramissione radiofonica abbandona ogni prudenza. «Abbiamo perso». Mentre il vicepresidente della Camera,Maurizio Lupi, mette l’accento sul fatto che «gli elettori scelgono in due grandi città rappresentanti che non vengono dal riformismo del partito Democratico, ma dalla sinistra estrema e da una cultura populista». Chi invece ancora non commenta i primi risultati è Silvio Berlusconi che, con molta probabilità, dovrà subire anche la beffa di un’amministrazione di centro-sinistra anche nella “sua” Arcore dove è in vantaggio la candidata dell’opposizione.

 
 

Il Pd: risultato oltre le più rosee aspettative 
Una sconfitta che, visti i primi risultati a spoglio ancora in corso, si aggiunge alla débacle nelle grandi piazze. Tanto da far dire al centro-sinistra, per bocca di Davide Zoggia, responsabile Enti locali del Pd e stratega delle candidature, «il risultato dei ballottaggi è andato oltre le più rosee aspettative. C’è un segno omogeneo su tutto il territorio nazionale della vittoria del Pd e del centro-sinistra». Quasi tutti i big per ora tacciono, fatta eccezione per Bersani e l’ex ministro Beppe Fioroni. «Cosa succede oggi? Avremo un risultato molto simile a 25 giorni fa che darà due segnali chiari: il primo è un segnale di cambiamento, la voglia di girare pagina. Il secondo è l’indicazione di chi perde. E su questo non ci sono dubbi».

 

fonte:sole24ore                 scelto da michele de lucia