L’impegno verso il randagismo di cani e gatti

0

Un progetto per la tutela e la prevenzione degli animali vaganti

 

Vico Equense – Dal 2009 ad oggi è in atto, sull’intero territorio di Vico Equense, un progetto straordinario di sterilizzazione chirurgica dei cani erranti. In collaborazione con la Lega del Cane sezione di Vico Equense e l’Associazione Volontari del Faito, l’Amministrazione comunale si è infatti impegnata nel fronteggiare il fenomeno del randagismo provvedendo alla sterilizzazione ed alla successiva reimmissione sul territorio dei “fedeli amici dell’uomo” dopo averli microchippati e vaccinati. I soggetti particolarmente aggressivi sono, invece, ospitati nei canili convenzionati: Eden Park con sede a Torre del Greco e The Dog Park di Boscotrecase in attesa di affidamento, dopo un programma rieducativo. Trentacinque i cani vaganti accalappiati, nel primo anno grazie, anche, alla piena collaborazione offerta dal Servizio Veterinario dell’ASLNa3 di Piano di Sorrento, sterilizzati in ambulatorio in presenza di due veterinari, sottoposti ad esami per la leishmaniosi e, infine, registrati ed intestati al Sindaco Gennaro Cinque di Vico Equense. La maggior parte degli “amici a quattro zampe”, rinvenuti in località Faito, dopo i trattamenti terapeutici previsti dal progetto, sono stati riaccompagnati, con i mezzi messi a disposizione dalla Protezione Civile operante sul territorio, nelle zone di appartenenza e liberati. Il destino di cani e gatti ” nati in strada, “senza padrone” o, peggio ancora, abbandonati perché non più “utili” purtroppo è segnato. Sono spesso, infatti, le vittime designate di incidenti stradali o di selvaggi avvelenamenti da parte di crudeli sterminatori. E’ per questo che si cerca di controllare le nascite degli animali randagi, di tutelarli attraverso l’inserimento dei microchip e di reimmetterli in zone più sicure grazie anche all’istituzione della figura del “cane di quartiere”,  che prevede l’affidamento degli animali alle cure delle persone del posto, previa verifica del comportamento sociale degli stessi da parte del Servizio Veterinario. Da questa estate partirà, invece, il progetto dedicato ai gatti. Un recente monitoraggio ha infatti segnalato la presenza di un numero cospicuo di felini. L’intervento prevede la regolamentazione di alcune colonie feline gestite da cittadini privati con l’aiuto di associazioni protezionistiche, censite dal Servizio veterinario dell’ASLNa3. Anche i gatti liberi saranno soggetti a intervento chirurgico per la sterilizzazione, all’applicazione del microchip e di un tatuaggio di riconoscimento sull’addome e ai prelievi per accurate analisi.