Tassisti contro charter Positano Life Style un tormentone

0

Charter si, Charter no. Insomma sta diventanto il tormentone di questo inizio estate la vicenda del Charter che dovrebbe collegare l’aereoporto di Napoli con Positano  in costiera amalfitana voluto dal consorzio Positano Life Style con una società di Sorrento . Sono tanti i tassisti che non condividono questa scelta (ma non tutti stanno al gioco). Ovvio che qui nessuno accusa nessuno e anzi fra i tassisti c’è pure chi da ragione al consorzio e alle scelte di Gianmaria Talamo e Ambrogio Carro “Sono mesi che vanno dicendo che vogliono attivare questo servizio individuato da studi – di Antonio De Rosa -, i tassisti non hanno risposto..” Dunque un tassista che da ragione al consorzio che prende un servizio da Sorrento? “Non do ragione a nessuno credo che si stia facendo tanto clamore per nulla  – spiega De Rosa -, semplicemente si poteva trovare una soluzione artigianale e poi i calcoli delle esigenze sono sbagliate.. ” Ma come e la Bocconi (la necessità dello Shuttle è venuta fuori dallo studio della Bocconi. La neccessità dello Shuttle è venuta fuori da un questionario distribuito ai clienti degli Hotels . Il questionario è stato preparato dagli studenti della Bocconi, ma lo Shuttle lo richiedono i clienti, ndr)? “La Bocconi può fare tutti gli studi che vuole – sottolinea De Rosa -, le nostre esperienze empiriche ci dicon altro, è solo una parte che viene via aereo e minimale, vedi il treno e altro.. poi non si tiene conto del nuovo aereoporto di Pontecagnano Salerno costa d’ Amalfi.. insomma non la vedo come una vicenda di concorrenza, ma come la mancanza di aver saputo o voluto trovare soluzioni interne, diciamo artigianali..” Insomma probabile, anzi sicuro, che il consorzio volesse fare una cosa buona, offrire un servizio, ma i commenti si susseguono fra pro e contro.. Giornalisticamente la notizia c’è tutta.. come andrà a finire? Charter si o charter no?