SORRENTO. Sub e volontari, caccia ai rifiuti in fondo al mare

0

Meta – Associazioni e amministrazione comunale, imprenditori e volontari uniti per la pulizia del mare. Prenderà il via domani alle 8.30 l’operazione «Fondali puliti», promossa dalla Pro Loco «Terra delle sirene» in collaborazione con l’assessorato comunale alle Spiagge e col circolo nautico «Marina di Alimuri». L’iniziativa vedrà quindici subacquei del centro immersioni «Due Golfi» impegnati nella pulizia del fondale al largo del litorale metese. Tre le zone interessate dall’intervento: si comincerà dalla piccola spiaggia del Purgatorio, per poi proseguire con la baia di Alimuri fino alla zona della Conca. Al termine, i rifiuti recuperati saranno ritirati ed eliminati dagli operatori di Penisola Verde, la società che gestisce il servizio smaltimento dell’immondizia in penisola sorrentina. All’iniziativa, finanziata dai gestori degli stabilimenti balneari, prenderanno parte anche i membri dell’associazione «Amici del Mare», che supporteranno i subacquei a bordo delle loro imbarcazioni. Previsto l’intervento dei sommozzatori del comando provinciale dei vigili del fuoco di Napoli, diretti da Francesco Morvillo, oltre che del personale della compagnia di navigazione Snav, coordinato dal comandante Vincenzo Conti. «Ci siamo prefissati un duplice obiettivo – spiega Francesco Marra, presidente della Pro Loco metese e principale promotore dell’iniziativa – promuovere l’immagine del paese in vista della stagione turistica e contribuire alla pulizia del mare, sopperendo alla troppo frequente inerzia delle istituzioni competenti». L’operazione «Fondali puliti» è alla seconda edizione. Lo scorso anno i volontari riuscirono a recuperare un enorme quantitativo di rifiuti: non solo oggetti di plastica e di vetro, ma anche reti da pesca, nasse, tubi di gomma, batterie di imbarcazioni ed automobili e molte attrezzature utilizzate dagli stabilimenti balneari e portate al largo dalle violente mareggiate invernali.

(Fonte: Ciriaco M. Viggiano da il Mattino)

scelto da MICHELE PAPPACODA