PIANO DI SORRENTO ELEZIONI IACCARINO CON IL KARAOKE SOTTO LA CASA DI RUGGIERO. PIANO COMMERCIALE NON VA DA ZURINO

0

Piano di Sorrento. Oramai ci è difficile seguire le liste di Ruggiero, Iaccarino e Zurino prese nella doverosa ricerca del voto, le comunicazioni anche sul web si riducono al lumicino dunque mettiamo insieme lunedi e martedi (a meno tre dalla chiusura della campagna che è venerdì)  Lello Somma e Biagio Verdicchio organizzano l’iniziativa diciamo più provocatoria per Gianni Iaccarino, candidato sindaco a Piano di Sorrento. “In occasione del ritorno di Raffaella e del suo karaoke, siamo lieti di ritrovarci al Soleluna con tutti gli amici per divertirci insieme, come sempre…”, è l’annuncio dei due. Il karaoke si terrà praticamente sotto casa del sindaco Giovanni Ruggiero…  Nella play list “Tu vuò fa l’americano..”

“Perchè In Primo…Piano ci siano i cittadini, che non facciano mai mancare a tutti i giovani, la loro esperienza, necessaria per la scuola della vita…”. E’ lo slogan che accompagna l’annuncio dell’incontro in programma per questa sera, lunedì 9 maggio 2011, alle ore 20, al Ristorante Torna a Surriento, al Corso Italia in Piano di Sorrento, dove è in programma una serata all’insegna della buona musica. I candidati alla carica di consigliere comunale e il candidato Sindaco della Lista civica “In Primo .. Piano” Giovanni Iaccarino, esporranno programma e idee.

 LORENZO Zurino ci fa sapere che è andato all’incontro dei commercianti nella biblioteca comunale,  ma proprio Piano Commerciale non è presentata mentre si è presentata l’Ascom.  “Cosa assurda perchè mi avevano invitato loro ” Arrivano le scuse su Face Book di Giusy Aversa 

 

Sul blog Ruggiero comunica (e a volte sbaglia Onda invece di Honda bar per l’annuncio dell’incontro con il PDL di cui parliamo a parte .. ma subito difeso dai fans.. meglio sbagliare il nome del bar che il programma..) : “Scrivo queste righe quando è ormai notte, è trascorsa questa domenica delle Mamme e ci apprestiamo ad entrare nell’ultima settimana di campagna elettorale. In questi giorni terrò con la mia squadra una serie di incontri pubblici prima del comizio conclusivo di venerdì sera che, anche nell’era di internet, conserva tutto il suo valore. Allora risponderò a chi, in tutti questi giorni, mi ha chiesto le ragioni di una scelta tattica che non è stata negazione del confronto, ma soltanto la volontà di parlare alla gente, direttamente, per spiegare le mie, le nostre ragioni e presentare le nostre proposte: è su di esse che infatti cerchiamo il consenso in questa gigantesca operazione di contatto che è una campagna elettorale. Mi soffermo su questo aspetto perchè la campagna elettorale rappresenta una grande occasione per incontrare i cittadini, tutti o quasi,  per parlare col loro e per raccogliere critiche e suggerimenti, proposte e sollecitazioni. La ricerca del voto diventa in questo modo occasione di ascolto e nostro compito sarà anche di far si che quello che abbiamo ascoltato possa trasformarsi in azioni concrete e coerenti, compatibili con le nostre responsabilità e risolutive di problemi. Nella settimana conclusiva, dopo aver tanto raccolto grazie a questi contatti, è doveroso dare anche delle risposte ai problemi posti dai cittadini, alle questioni evidenziate dagli avversari, alle polemiche sollevate, alle accuse fatte rimbalzare da una piazza all’altra. Credo però che ognuno si sia fatto un’idea molto precisa di questa competizione elettorale e voglio innanzitutto evidenziare che il mio impegno a continuare a lavorare per i prossimi cinque anni al servizio del Paese sarà sicuramente diverso, perchè maturato sull’esperienza di questi 5 anni e arricchito di tutto quanto ho ascoltato e che auspicate trovi le risposte giuste da parte dell’Amministrazione. Voglio anche augurare a tutti i miei candidati di vivere si con intensità questi giorni, ma senza mai perdere di vista l’obiettivo che abbiamo davanti a noi: quello cioè di affermare il valore di una squadra che sappia vincere il campionato del buongoverno, oltre che la partita del cuore! Domenica e Lunedì gli elettori si espimeranno e daranno il loro giudizio su tutto quanto è stato fatto e su tutto quanto è avvenuto, ma soprattutto ci indicheranno che cosa si aspettano che facciamo per gli anni a venire. Via quindi con lo sprint e che…vinca il migliore!”