PRAIANO TESTA A TESTA LAURETANO DI MARTINO

0

 E’ un testa a testa a Praiano in costiera amalfitana  la corsa allo scranno più prestigioso di Palazzo di Cittá. A contendersi la leadership politico-amministrativa, infatti, in una competizione che si preannuncia molto incerta e di difficile lettura, sono Giovanni Di Martino e Raffaele Lauretano. In sostanza sono stati rispettati i pronostici della vigilia anche se molti erano convinti che poteva esserci anche un terzo polo, poi naufragato.

La campagna elettorale nella cittadina della costa d’ Amalfi  è entrata nel vivo e, sicuramente, in dirittura di arrivo diventerá molto più calda, anche perché la vittoria potrebbe anche arridere per una esigua manciata di voti. Perciò i duellanti stanno spendendo energie per convincere gli elettori a propendere per l’una o l’altra lista, sia attraverso l’esposizione del programma ma anche con il solito “porta a porta” che, nei piccoli comuni, resta sempre il mezzo di comunicazione preferito dai candidati. • Andando a spulciare tra li liste si nota come Di Martino, che è il vice sindaco uscente, capeggi la compagine “Insieme in liberta” che è il gruppo che, da dieci anni, regge le sorti del caratteristico paese della Costiera. Come capolista c’è il primo cittadino uscente, Gennaro Amendola, che non ha più potuto concorrere alla carica di sindaco avendo esaurito i due mandati consecutivi. La formazione, in ossequio al motto squadra vincente non si cambia, ricalca, in buona sostanza, quella di cinque anni fa, in quanto sono presenti, in totale, otto esponenti della maggioranza uscente. Da segnale, inoltre, la presenza di una unica donna, Camilla Cesarano.

Tre, invece, sono le rappresentanti del gentil sesso (Iolanda Apuzzo, Anna Cuomo, Carla Lauretano) nel gruppo “Onda del cambiamento”, che ha come leader Raffaele Lauretano. Da notare come compaia solo un rappresentante della minoranza uscente (Salvatore Sorrentino), mentre per il resto la lista è formata prevalentemente da “new entry”, in ossequio della “mission” del movimento che, proprio come si evince dal nome, ha l’intenzione di portare un rinnovamento politico. Gaetano De Stefano