PIANO DI SORRENTO. Caos parcheggi è resa dei conti tra Iaccarino e Sindaco uscente

0

Piano di Sorrento – «Se oggi ci ritroviamo senza scuole, con giardini sventrati per far posto a box-auto, con un commercio in crisi ed un porto inutilizzato, la responsabilità è di Giovanni Ruggiero: il suo fallimento è sotto gli occhi di tutti». Non ha usato mezzi termini Giovanni Iaccarino, nel corso della presentazione di candidati e programma della lista «in primo… Piano». Nel corso di un comizio in piazza Cota, il leader dell’opposizione non ha lesinato critiche al sindaco uscente. Nel mirino sono finiti anche Maurizio Gargiulo, Daniele Acampora, Antonio Russo ed Alberto Maggio, confluiti nella lista di Giovanni Ruggiero dopo cinque anni all’opposizione. Parole durissime specialmente per i primi due, che con Iaccarino hanno condiviso un percorso politico nelle fila dell’Udc. «Passando all’altra sponda, Gargiulo e Acampora hanno tradito il partito e gli elettori. Ed il mandante di questo tradimento politico non poteva essere che un signorotto di Sant’Agnello». Chiaro riferimento all’assessore provinciale al Turismo Piergiorgio Sagristani, che ha spinto affinché la sezione locale dell’Udc si schierasse al fianco di Giovanni Ruggiero. Al termine, l’esposizione dei punti salienti del programma. Priorità assoluta all’istruzione, con la proposta di finanziare la ricostruzione della scuola di via Carlo Amalfi coi proventi della vendita delle case per i terremotati del rione Trinità. Grande risalto alla tutela dei giardini ed alla riorganizzazione della macchina comunale. Nel frattempo, anche Lorenzo Zurino, leader di «Piano Viva», si è presentato agli elettori con un incontro a villa Fondi. Al suo fianco, i dodici componenti della lista, tutti di età compresa tra i 21 ed i 40 anni: «La nostra squadra è un mix di coraggio, speranza, forza e disobbedienza – ha detto Zurino – ma soprattutto di meritocrazia e competenza. Con le nostre proposte cambieremo il modo di fare politica in città». Grande risalto al progetto «Acqua per tutti», basato sull’installazione di potabilizzatori che consentano ai cittadini di attingere acqua presso le quattro sorgenti naturali presenti sul territorio comunale. In tema di ambiente, annunciata la predisposizione di un piano di smaltimento dell’amianto. Tra le altre proposte di Zurino, la creazione di un marchio di sostenibilità che certifichi la provenienza dei prodotti agricoli e l’istituzione di un servizio di consegna a domicilio dei farmaci per anziani ed invalidi.

(Fonte: Il Mattino)

SCELTO DA MICHELE PAPPACODA