Napoli. Teatro Bellini. Granvarietà riaccolto con un caldissimo successo.

0

 

Articolo di Maurizio Vitiello – Prosegue il caldissimo successo di “Granvarietà” al Teatro Bellini di Napoli.

 

 

 

E’ un’operazione-scommessa riuscita a Gabriele Russo, che ha portato, dopo un lungo giro, al Teatro Bellini di Napoli “Granvarietà”, spettacolo di cui è autore e regista.

 

Gabriele Russo è dentro lo spettacolo, lo sente sulle scene.

 

C’è comicità d’altri tempi, con i doppi sensi delle macchiette e le freddure “non-sense” del magico presentatore abbigliato da perfetto clown, assaporando le coloriture di un genere nato in teatro, negli anni ’30 e ’40 del ‘900.

 

Nel “Granvarietà” di Gabriele Russo convivono musiche allegre e malinconiche, eseguite, finalmente dal vivo, da un’ottima orchestra, ci sono sgargianti abiti, con gli immancabili lustrini e paillettes, esasperati trucchi, c’è un erotismo d’epoca lontana, ci sono la soubrette, la soubrettina e la soubrettona.

 

Nel programma teatrale di Gabriele Russo c’è mescolanza, commistione, contaminazione tra tradizione musicale napoletana e canzoni diverse e importanti.

 

E’ uno spettacolo degno, gradevole e molato, per trascorrere ore liete.

 

Musica, sketches, risate, balletti fanno teatro.

 

“Passerella” applaudita da un pubblico contento.

 

Da vedere.

 

Maurizio Vitiello