PASQUETTA A MAIORI SULLE SPIAGGE SENZA STABILIMENTA. COSTIERA AMALFITANA DA TUTTO ESAURITO

0

Pasqua e pasquetta da tutto esaurito in Costiera amalfitana . Il lungo ponte pasquale ha riservato la gradita sorpresa di un vero e proprio boom turistico, che fa ben sperare per il proseguo della stagione e, in particolar modo, per i mesi balneari, che rappresentano il vero banco di prova. Se è vero, comunque, che il buongiorno si vede dal mattino allora si può sicuramente sostenere, senza temere di poter essere smentiti, che la Divina mantiene inalterato il suo appeal, sia per i vacanzieri italiani che per quelli stranieri. Ai turisti stanziali, che da giovedì scorso hanno occupato le strutture ricettive del comprensorio amalfitano, infatti, si sono aggiunti ieri gli escursionisti del cosiddetto “mordi e fuggi” che, nonostante il tempo incerto, non hanno voluto rinunciare alla classica gita fuoriporta del lunedì in albis e hanno preso d’assalto le spiagge e i monti della Divina. Ed è stato un vero e proprio esodo, cominciato prestissimo, che ha interessato tutti i paesi della Costiera, senza nessuna esclusione. Naturalmente, proprio a causa del traffico intenso, si è verificato qualche fisiologico rallentamento lungo la Statale amalfitana, ben controllato dalle polizie municipali. La cittadina più frequentata dagli amanti dalla “pasquetta” è stata Maiori, che può vantare l’arenile più esteso del comprensorio. Tantissimi ragazzi si sono riversati sulla spiaggia, ancora sgombra dagli stabilimenti balneari che, a causa di vari problemi di natura edilizia, compresa una inchiesta della magistratura che aveva portato persino al sequestro di alcune strutture, non si sa quando potranno essere montati. Ad essere preoccupati sono non solo i gestori ma pure i bagnini, i baristi e gli altri operatori che prestano i loro servizi professionali sui lidi. E, questo, è l’unico neo di un periodo pasquale che, dal punto di vista degli arrivi e delle partenze, è stato veramente da record e rappresenta un ottimo viatico per il proseguo della stagione che si è aperta ufficialmente con la Pasqua. Gaetano de Stefano