Fulminante sorrento in alta quota a Bolzano. Doppietta di Erpen conferma il secondo posto

0

Sfatato il tabù trasferta con una doppietta di Erpen

 

Lega Pro – 1^ Divisione – Girone A – 31^ Giornata – 14^ Ritorno 2010-2011

 

SUD TIROL – SORRENTO      0 – 2

Marcatori: 13’pt e 26’st Erpen

SUD TIROL (4-1-4-1): Zomer; Brugger, Cascone (31’st Kiem), Mirri (10’st Nazari) , Martin; Romano M; El Kaddouri, Furlan, Romano A (34’st Albanese), Fischnaller; Marchi.

A disp: Mair, Fink, Bacolo, Traorè.                                        Allen: Maurizio Pellegrini

SORRENTO (4-4-2): Rossi; Vanin, Di Nunzio, Lo Monaco, De Giosa; Erpen, Togni (42’st Armellino), Nicodemo, Corsetti (38’st Manco); Carlini (38’st Pignalosa), Paulinho.

 A disp: Mancinelli, Angeli, Sabato, Camorani.                     Allen: Giovanni Simonelli.

ARBITRO: Daniele Bindoni di Venezia

GUARDIALINEE: Mauro Sacco (Bassano del Grappa) – Lo Cicero Alessandro (BS).

AMMONITI:  Togni (SO); Martin (ST), Lo Monaco (SO), Carlini (SO), Vanin (SO)

NOTE: giornata coperta, 23°; terreno buono; spettatori 500 circa

ANGOLI:       1 – 1 ;                  RECUPERO:    0’pt e 4’st

 

La lunga trasferta e l’aria di montagna fa mettere le ali al Sorrento che anche se ipnotizza i sudtirolesi con due reti per tempo, gioca una specie di allenamento in quel di Bolzano come a volte fa il gatto con il topo. Poteva finire anche con qualche rete in più, ma gli uomini del presidente Mario Gambardella si accontentano di un Erpen che voleva sbloccarsi già da un poco di tempo, dal rientro dell’infortunio che lo aveva tenuto fermo per qualche giornata. Ed anche se il capocannoniere del campionato fallisce la sua rete personale, il Sorrento può contare su chi può risolvere la partita al suo posto. E porta la squadra della costiera a sfatare un tabù che resisteva dall’inizio dell’anno, il non vincere una partita esterna dalla trasferta di Salerno. Ed oggi anche se i tirolesi venivano da due sconfitte consecutive e volevano riuscire nell’impresa almeno di impattare, se non di vincere, con la vice capolista, essa porta a tre le sue vittorie lontano dalle mura amiche. E lo fa niente pò di meno che ad alta quota, in quelle alpi dove si respira aria buona, e che sembra abbia fatto bene alla squadra rossonera che veniva da una settimana con qualche scintilla. Una tonificante vittoria in vista della gara in diretta televisiva alle ore 15,00 contro la capolista Gubbio, a cui si vuol attuare lo sgambetto casalingo per rosicchiare qualche punto e stabilizzare la seconda poltrona.

   Stadio “Druso” Bolzano

LE RETI – Sono state siglate una per tempo da un giocatore che per vari motivi non metteva a segno una rete dal 10 gennaio, dalla partita casalinga contro il Pergocrema che finì con una quaterna secca, e fu proprio lui ad aprire la via del gol alla squadra di mister Simonelli. Con un Sorrento che già nei primi minuti era in palla confezionando qualche buona pericolosa azione, passavano solo 13’ ed un vivo e pepato Corsetti si animava sulla libera fascia sinistra confezionando un cross per Erpen, il quale in area tutto solo non poteva che fulminare il povero malcapitato Zomer di sinistro con una palla che si infila sul primo palo. Il gol sembra mette in pace i sorrentini che tuttavia non demordono, ed  anche giocando al piccolo trotto si rendono pericolosi. Gli altoatesini non hanno la benché minima reazione e così subiscono il meritato raddoppio che chiude definitivamente l’incontro, visto che i biancorossi sembrano sterili. Nella metà del secondo tempo, al 26’, una palla giunge nella zona del neoentrato Nazari che non riesce a controllare, il folletto Corsetti gliela ruba e serve in buona posizione Erpen, che da pochi passi infila il tap-in vincente sul quale Zomer non può far nulla.

    Erpen in azione

LA GAR A – Dice solo che un Sorrento (che aveva tre semi infortunati) in palla non ha avuto grandi difficoltà contro un ridimensionato Sud Tirol (nel quale erano ben cinque gli assenti), che dopo il cambio di allenatore invece di avere una svolta, abbia avuto una pericolosa caduta. E lo stanno a testimoniare le tre sconfitte consecutive subite fino a oggi, compresa quella con il Sorrento. Il quale si è reso in vena subito dai primi minuti, anche se a provargli a far paura ci pensa al 2’ Fischnaller che si libera bene al limite dell’area, ma il suo debole destro centrale è facile preda di Rossi che torna tra i pali dopo l’infortunio che lo ha tenuto fermo per molte settimane. Al 12’ un Corsetti, che risulterà tra i migliori, fa correre un brivido ai biancorossi involandosi tutto solo verso Zomer, il portiere per evitare guai peggiori è costretto ad intervenire di piede. Un primo dopo la prima rete di Erpen ed i costieri senza giocano senza assillo. Gli altoatesini non mordono più di tanto, anche se alzano il baricentro cercando di imbastire qualcosa, ma hanno difficoltà nel costruire l’azione. La partita sembra essere equilibrata, ma si assiste solo a qualche buona ripartenza sorrentina che cerca di destabilizzare la retroguardia biancorossa. E vi riesce al 43’ quando Carlini colpisce il palo su un lancio profondo, dopo che Cascone (ex) non arriva di testa sulla sfera. La ripresa sembra dare la sveglia ai locali con Fischnaller al 2’ che si guadagna una punizione, la quale battuta da Romano A finisce sulla debole ed imprecisa testa di El Kaddouri. Ma all’8’ i rossoneri vanno vicini al raddoppio con Paulinho che spara alto, dopo un’azione iniziata da Carlini che aveva rubato palla a Martini ed aveva servito Erpen che metteva in moto Corsetti. Al 18’ i sudtirolesi cercano di darsi una scossa con una punizione di Romano A che Fischnaller conclude debolmente da pochi passi. Poi al 26’ il raddoppio di Erpen e la partita sembra concludersi li, se non fosse che al 36’ un eccellente Rossi ferma Marchi ben imbeccato da Fischnaller. E nel finale Paulinho dolorante ad un polso lascia il campo ed il Sorrento in dieci, poiché mister Simonelli aveva effettuato tutte le sostituzioni a sua disposizione.

             Alcuni dei protagonisti
  Fischnaller           El Kaddouri                  Corsetti                  Paulinho

NOVANTESIMO Nel clan rossonero c’è solo un grande dispiacere ed è quello che il capocannoniere del campionato dovrà probabilmente operarsi perché si è fatto male al braccio. È stato portato anche in ospedale per i dovuti accertamenti del caso. Ma aldilà di questa grave perdita per la gara in diretta televisiva con la capolista Gubbio, l’autore della vittoria con la sua doppietta, è contento “non solo per le due reti realizzate, ma anche perché abbiamo fatto una buona prestazione ed ottenuto una bella vittoria”. Poiché “siamo scesi in campo concentrati ed aggressivi, consapevoli che loro venivano da due sconfitte consecutive. Perciò sapevamo che se partivamo bene, avremmo disputato una buona partita”. Ed infatti si può scrivere e dire che al “Druso” ha giocato solo il Sorrento. Ma egli è anche contento perché “sono i primi tre punti del 2011 che raccogliamo fuori casa”. Invece mastica amaro un, possiamo dire, sordo presidente Baumgartiner perché “anche oggi abbiamo fatto del tutto per non perdere, alla prima occasione abbiamo preso la rete e poi la seconda ci ha tagliato le gambe”. Il presidente sudtirolese da la colpa anche alla “sfortuna che sta dalla nostra. Noi abbiamo avuto quindici minuti a nostro favore che non siamo riusciti a sfruttare. Non abbiamo giocato male ma il nostro avversario è un’ottima squadra, anche organizzata”. E domenica in diretta televisiva alle ore 15,00, poiché nelle ultime quattro giornate le gare si disputeranno tutte allo stesso orario, ci sarà l’attesa sfida clou della giornata con Gubbio.

 

    

Erpen           Presidente Baugmartiner

GIUSEPPE SPASIANO