Lettera di De Masi ai Candidati di Ravello

0

Ulisse Di Palma

Paolo Imperato

Paolo Villeumier

__________________

Roma, 31 marzo 2011

Ho ricevuto da Oscar Nimeyer la seguente lettera:

O abaixo-assinado, arquiteto Oscar Niemeyer, projetista do Auditorium de Ravello e de todos os locais anexos  (praça, bar, garagens, livraria, etc.) incumbe o prof. Domenico De Masi para, em seu nome e representação, supervisionar e controlar de forma permanente o estado de manutenção e a condição estética do complexo arquitectónico na sua totalidade, assim como da coerência do mobiliário utilizado e dos eventos aí programados.

O prof. Domenico De Masi é a única pessoa a quem se confia esta tarefa.

Assinatura

Oscar Niemeyer

 

(TRADUZIONE: “Il sottoscritto architetto Oscar Niemeyer, progettista dell’Auditorium di Ravello e dei locali annessi (piazza, bar, garage, book shop, ecc.) incarica, per suo conto e in sua vece, il prof. Domenico De Masi a supervisionare e controllare in permanenza lo stato di manutenzione e di estetica dell’intero complesso architettonico, nonché la congruenza degli arredi in esso adottati e degli eventi in esso programmati. Il prof. Domenico De Masi è l’unica persona a cui è affidato questo incarico. FIRMA Oscar Niemeyer”.

 

La lettera è controfirmata da José Carlos Sussekind

 

O abaixo-assinado, José Carlos Sussekind, que supervisionou cada etapa do projeto e construção do Auditorium de Ravello, assim como de todos os locais anexos,  afirma estar de acordo e ratifica a determinação do arquiteto Oscar Niemeyer.

Assinatura

José Carlos Sussekind

 

(TRADUZIONE: Il sottoscritto José Carlos Sussekind, che ha supervisionato in ogni tappa la progettazione e la costruzione dell’Auditorium Oscar Niemeyer nonché di tutti i locali annessi, dichiara di essere d’accordo e di ratificare la disposizione dell’arch. Oscar Niemeyer. FIRMA José Carlos Sussekind

 

Sono ben consapevole che, sul piano formale e legale, tutto ciò non impegna il Comune di Ravello né verso l’Architetto Niemeyer, né tanto meno verso il sottoscritto. Ma, oltre al livello giuridico, esiste un livello etico, il cui rispetto connota da sempre le comunità della Costiera. Mi rivolgo perciò a voi, Candidati delle prossime elezioni amministrative, affinché assumiate fin da ora, nel vostro programma elettorale, il pubblico impegno di valorizzare il capolavoro di Niemeyer che, insieme alle bellezze naturali e ai monumenti storici, ora contribuisce alla fama di Ravello nel mondo. 

 

Niemeyer ha regalato a me e soprattutto a Ravello questo suo progetto: dunque abbiamo il dovere morale di corrispondere a tanta generosità con una cura dell’Auditorium adeguata al suo prestigio. Da solo non ho la forza, la competenza e l’autorevolezza per adempiere il desiderio espresso da Niemeyer. Inviterò dunque un selezionato gruppo di architetti, artisti e intellettuali di fama internazionale a fare parte di un comitato che puntualmente informi la Fondazione Niemeyer e l’opinione pubblica circa lo stato e l’uso dell’Auditorium. L’azione del Comitato non sarà di antagonismo o di controllo nei confronti del Comune, ma di stimolo, informazione e, se richiesto, di collaborazione.

 

Il capolavoro di Niemeyer è una macchina complessa, pensata sia per ospitare le manifestazioni della cultura locale, sia per mobilitare la migliore cultura internazionale, sia per promuovere l’economia e l’occupazione. Perciò, negli anni della mia presidenza, la Fondazione Ravello si è battuta affinché l’Auditorium fosse gestito con creativa intraprendenza, come complesso sistemico unitario, da persone competenti e motivate, in base a un preciso piano industriale. Ciò comporta molte azioni, alcune delle quali già intraprese a suo tempo dalla Fondazione:  

  • Elaborare questo piano industriale;
  • predisporre un’intensa azione di fundraising e di marketing;
  • reclutare e formare tempestivamente le risorse professionali necessarie;
  • valorizzare la piazza, i parcheggi, il bar e il bookshop in modo sinergico rispetto all’Auditorium e agli eventi in esso realizzati;
  • stringere rapporti con il mondo dello spettacolo e dello sport in funzione delle possibili manifestazioni da attrarre Ravello; 
  • valorizzare il marchio dell’Auditorium e pianificare il merchandising;
  • impostare la newsletter e il sito web, di cui è stato già acquistato il dominio;
  • pianificare, accanto agli eventi locali, programmi artistici di rilievo internazionale ed eventuali festival stagionali.
  • completare l’arredo urbano (panchine nella piazza maggiore, installazione nella piazza superiore, ecc.);
  • realizzare nell’Auditorium una scuola di musica e danza) per tutti i ragazzi della Costiera;
  • programmare attività di formazione musicale permanente, destinate all’intera gamma di potenziali fruitori, dalle gestanti agli anziani.

 

Sono certo che chiunque di voi avrà l’onere di guidare il Comune di Ravello e la comunità ravellese, punterà sull’Auditorium come leva culturale per lo sviluppo della collettività. Da parte mia, vi ringrazio dell’attenzione e vi porgo i più cordiali saluti, augurandovi una Pasqua serena.

 

(Domenico De Masi)

 

P.S. Rendo pubblico il contenuto di questa lettera inviandola anche a Positano News.