Denunzia, del Dr. Enzo Colavolpe

0

Riceviamo e pubblichiamo…..

 

Al dr. Michele Cinque

Direttore Responsabile di

Positano News on line

Positano

 

 

Egregio Direttore,

a tutela della mia immagine, Le chiedo cortesemente di procedere, nei termini delle leggi in materia, alla provvista del  materiale pubblicato sul Suo giornale negli ultimi giorni; particolarmente, quello a commento del mio ultimo  intervento, titolato: “Chiarezza, innanzitutto”, da parte di un fantomatico “Andrea”, che ritengo, materia di valutazione legale. La registrazione di tale materiale Le sarà richiesto, quanto prima,  dalla Direzione della Polizia Postale, all’uopo allertata, e dai miei legali di fiducia, per l’inoltro di una regolare denunzia, al momento “contro ignoti”, e per l’accertamento di eventuali responsabilità di ordine amministrativo, da parte di terzi.

La prego, inoltre, di inserire, ai sensi di legge, questa mia replica:

 “”Il vomito di insulti, calunnie, diffamazione  e quant’altro, nei confronti della mia persona; per il semplice fatto di aver osato scrivere il vero su una situazione politico-ambientale, deterioratasi per colpa di tutti;  rappresenta, con estrema  chiarezza, la pericolosità di una situazione che potrebbe  interessare anche l’ordine  pubblico. Il linguaggio usato,  lontano anni luce  dallo specifico fatto,  tende chiaramente a minare la mia  libertà di parola. Ho sempre espresso ogni mia idea ed assunto qualsivoglia posizione, con lealtà, coraggio e  rispetto. Se qualcuno calunnia, rispondo con gli strumenti di legge. Come sarà  fatto.  In principio, sono sempre disposto ad offrire una guancia, ma l’altra la riserv o alla mia dignità di Uomo.  Del resto, i testi degli articoli proposti  che hanno  creato tanto scalpore, sono sotto gli occhi di tutti.  Se  c’è stata una reazione di questo genere, vorrà  dire  che  ho toccato, forse,  la suscettibilità di qualcuno. E questo “qualcuno”, va  identificato dalle Autorità competenti. Io non conosco  interlocutori diversi. Anche per tutelare l’immagine del  giornale che sta sostenendo un grosso sforzo  organizzativo, per contenere un così ampio confronto. Quindi, non si può consentire a nessuno  un uso distorto dell’informazione. Il produttore di  tale  “marciume”, sarà presto scoperto dalle Autorità preposte; perché sono già in possesso di  elementi probanti. Il calunnioso riferimento a fattori familiari locali, mi ha messo già sulla buona strada. Spero, quindi, che  questo “signore”, prima o poi, abbia il suo vero nome.  E risponderà di tutto. Se poi gli resta ancora  qualcosa degna dell’uomo, compaia subito di fronte alla Legge e denunzi o si difenda; dicendo anche tutto quello che resta.  Ho speso ogni energia per  la città, nulla chiedendo . Anche un bicchiere d’acqua. Chiamerò, dunque, uno per uno alla conta;  per testimoniare sulla mia storia di vita.  Il clima che  Amalfi sta vivendo in questa vigilia elettorale, non fu vissuto nemmeno durante le elezioni del dopoguerra; allorquando le tensioni  politiche erano al massimo. Ma  quello attuale,  dipende forse da altro;  che va comunque  appurato, col concorso di tutti; per restituire la serenità a chi l’ha perduta.  In fede.

                                                                            Dr. Enzo Colavolpe         

 

Lascia una risposta