Cilento Capaccio. In fiamme bungalow Il Pescatore danni per 20 mila euro

0

CAPACCIO. L’odore acre di bruciato, il tetto e le pareti annerite dal fumo, la tettoia esterna di legno e il banco dell’ingresso divorati dal fuoco. Il lido «Il Pescatore», in località Torre di Mare, si presentava così, ieri mattina, dopo che un incendio, divampato quando era ancora buio, lo aveva avvolto, rischiando di distruggere completamente la struttura. Il danno, per fortuna, è stato limitato. Ma, fatti i primi conti, seppure ancora approssimativi, la stima dei danni si aggira almeno intorno ai ventimila euro. L’incendio è divampato nelle prime ore della giornata. La recinzione in rete che circonda lo stabilimento era recisa e scostata, segno che chi ha appiccato l’incendio è entrato da lì, dal lato della spiaggia. Il fuoco è stato appiccato a delle canne depositate sullo spiazzale esterno, che sarebbero servite per delimitare il lido durante la stagione balneare. Da lì il fuoco si è propagato alla tettoia in legno e attraverso questa, passando per una fessura, all’interno del lido, dove fortunatamente si è fermato al banco posto proprio all’ingresso. La famiglia Manna, che gestisce il lido e a cui è andata la massima solidarietà, non ha trovato una spiegazione plausibile, ma l’incendio è sicuramente doloso. Durante l’ispezione dei vigili del fuoco di Eboli, che si sono recati sul posto per spegnere le fiamme, non sono emersi elementi sufficienti a stabilirne le cause, sulle quali indagano i carabinieri della compagnia di Agropoli diretta dal capitano Raffaele Annicchiarico e della dipendente stazione di Capaccio Scalo. Potrebbe trattarsi di un atto vandalico da parte di balordi che hanno agito senza nemmeno rendersi conto delle conseguenze di quella che voleva essere una bravata. O di una vendetta da parte di qualcuno per qualche screzio. Tutte ipotesi al momento al vaglio degli inquirenti e a cui gli stessi titolari non sanno dare una risposta. Un episodio analogo si verificò a dicembre scorso in un’altra struttura sul mare, il Villaggio Ulisse. Lì le fiamme furono date ad alcuni bungalow.

Paola Desiderio Il Mattino

scelto da Michele Pappacoda