CHIEVO, EUROGOL DA METÀ CAMPO DI MARCOLINI -VIDEO( SAMP, BLITZ TIFOSI AL BUS:SASSATE E MINACCE DI MORTE)

0

VERONA – Il Chievo stava già vincendo, ma con il gol di Marcolini ha messo in ghiaccio la partita contro il Bologna. Ma il centrocampista dei veronesi ha realizzate una rete da cineteca. Si è avventato su un passaggio errato dei rossoblu, calciando di prima intenzione una sciabolata di collo esterno dal cerchio di centrocampo. Viviano era un pò fuori dai pali e non ha potuto nulla contro questo tiro forte e preciso

SAMP, BLITZ TIFOSI AL BUS:SASSATE E MINACCE DI MORTE

GENOVA – Agguato, nella notte a Genova, al pullman della Sampdoria appena rientrata dalla pesante sconfitta di campionato contro il Milan. Un gruppo di tifosi, a volto coperto, ha colpito il mezzo con pietre e bastoni, e ha minacciato i giocatori di morte in caso di retrocessione. L’episodio poco dopo le due, nel parcheggio dell’Ac Hotel di Genova Quarto, dove il pullman appena arrivato da San Siro stava facendo manovra. A bordo c’erano cinque giocatori, tra cui capitan Angelo Palombo, e il medico sociale, Amedeo Baldari. I tifosi, che secondo quanto si apprende non apparterrebbero a gruppi organizzati, hanno mandato in frantumi il parabrezza del pullman. Sul posto, per gli accertamenti del caso, sono intervenuti polizia e carabinieri.  Volti incappucciati, vetri rotti anche da dentro con i caschi, minacce e insulti, e poi la paura: sono stati i 5 minuti terribili dell’agguato di una quindicina di ultrà al pullman Samp, avvenuto questa notte attorno alle 2.15. Secondo la prima ricostruzione, l’assalto è avvenuto quando il pullman di ritorno da Milano, dove la Samp aveva giocato e perso contro la capolista Milan 3-0, stava avvicinandosi all’albergo dove i sette giocatori rimasti a bordo – tra loro il capitano Angelo Palombo, Ziegler, Pozzi, Padalino – avevano lasciato le loro auto. Un gruppo di persone senza sciarpe con i colori sociali ma con il volto coperto da passamontagna e cappucci delle felpe hanno prima rotto da fuori con dei sassi alcuni vetri, poi sono saliti a bordo e hanno cominciato a minacciare i giocatori rimasti a bordo al grido di ‘bastardì e altri insulti Momenti di tensione quando Palombo, seduto nelle prime file, si è alzato dal suo posto e ha cercato di calmare gli ultra che volevano andare in fondo al pullman e raggiungere gli altri giocatori Samp. Il capitano è stato spintonato, ma secondo le prime testimonianze il contatto fisico non è andato oltre. Visibilmente impauriti alcuni dei giocatori a bordo. Poi gli aggressori hanno lasciato il bus sfondando il parabrezza con i caschi. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine per la prima ricostruzione dell’agguato, e i giocatori sono potuti tornare a casa più tardi, rimanendo svegli fino all’alba. Ora la Samp, impegnata nella lotta retrocessione, valuterà l’opportunità di un ritiro già da domani.

SAMP: “AZIONE INGIUSTIFICABILE” Nessun risultato sportivo, seppur fortemente negativo, può giustificare un’azione pari a quella accaduta al rientro da Milano». La Sampdoria commenta così, con un comunicato ufficiale sul proprio sito internet, l’agguato della scorsa notte al pullman dei giocatori. Il club «stigmatizza in maniera netta» l’episodio e invita a «rimanere tutti uniti e coesi». «La tifoseria blucerchiata, da sempre, si è contraddistinta per il fortissimo attaccamento ai colori e per il rispetto di tutte le componenti. Il momento è difficile e delicato – si legge nella nota del club – ma l’unico modo per poterne uscire è quello di rimanere tutti uniti e coesi».

fonte:leggo              scelto da michele de

visita il mio blog

http://calcionapoli.positanonews.it