CETARA UNA POLTRONA PER TRE

0

 Una poltrona per tre. Potrebbe essere questo il leit motiv della campagna elettorale a Cetara in costiera amalfitana , in quanto ai nastri di partenza si presenteranno tre liste e altrettanti candidati sindaco. A meno di sorprese dell’ultima ora, quindi, c’è una sostanziale novitá rispetto alle scorse elezioni: la presenza di un terzo polo che potrebbe mischiare le carte in tavola. Perché nel paese che conta circa 2400 abitanti, la differenza tra una compagine e l’altra, e, dunque, la vittoria finale, potrebbe essere determinata anche da pochissimi voti di scarto.
• Gli ultimi giorni prima della presentazione delle liste, saranno decisivi anche se una delle formazioni che si presenteranno al via, “Terra libera” che ha come leader l’esponente del Pdl Gaetano D’Emma, ha reso noti giá da tempo sui social network i nove candidati al consiglio.
• Nel frattempo anche il gruppo “Cetara che amiamo-Insieme per cambiare”, oltre ad indicare il candidato sindaco, che sará il coordinatore del movimento Vincenzo Pappalardo, ha ufficializzato, tramite manifesti affissi per il paese, il vicesindaco, che, in caso di vittoria, sará Luigi Pappalardo.
• Intanto internet sembra essere diventato, in questo periodo, il canale principale di comunicazione, in quanto anche il gruppo “Cetara nuova-Insieme per crescere”, che fa capo al sindaco uscente Secondo Squizzato che dopo i primi cinque anni di mandato si ricandida, ha invitato gli elettori a fornire suggerimenti per la compilazione del programma utilizzando il sito del movimento.
• A dispetto della campagna elettorale “virtuale”, però, i toni sono giá “caldi” e con il passare dei giorni, il clima politico diventerá ancora più effervescente. Perché la polemica tra Squizzato e D’Emma a causa di presunti inadempimenti relativi al pagamento del canone concessorio delle gabbie per la stabulazione dei tonni, non si è ancora spenta ma, anzi, promette ulteriori sviluppi.
Gaetano de Stefano