La Cavese ora punta il Foligno visita il mio blog http://calcionapoli.positanonews.it OGGI BOLOGNA NAPOLI ORE 15,00

0

Fonte: La Città di Salerno
 

© foto di Luigi Gasia/TuttoLegaPro.com

Patron Giuseppe Spatola lo aveva anticipato ad inizio settimana: la classifica sarebbe stata riscritta da altre penalizzazioni, in particolare quella del Foligno, e la Cavese da questa nuova situazione può trarre addirittura un giovamento, naturalmente in coincidenza di altri risultati. Il penultimo posto ora per gli aquilotti dista soltanto due lunghezze e può essere facilmente raggiunto per disputare i playout. Ben tredici societá ieri sono state penalizzate in classifica in tutta la Lega Pro, e tra queste ce ne sono due nel girone della Cavese: oltre al Foligno, penalizzato di un punto, anche il Cosenza se ne è visti togliere due. Anche se non fa piacere che casi come questi siano molto inflazionati, è notevole il fatto che la Cavese non ha mai subito un provvedimento disciplinare per la corrente stagione finoora, il che avvalora l’operato dei dirigenti, in particolare di Spatola, Maglione, Brunetti e compagnia.
Tornando a Foligno e Cosenza, ora i lupi calabresi hanno gli stessi punti del Gela, cioè 29, e sono quintultimi, mentre i falchetti umbri, a cui è stato tolto un punto, si trovano al penultimo posto che è quindi l’obiettivo della corsa della Cavese. Il Foligno è stato punito con il minimo della penalizzazione solo per non aver pagato emolumenti risalenti alla scorsa stagione, invece ai cosentini sono stati sottratti due punti per non aver potuto rispettare le scadenze riguardanti il primo e secondo trimestre di questa stagione.
Ci aspettavamo che al Foligno venisse sottratto qualche punto in più – ha commentato a caldo il patron della Cavese Spatola, una volta apprese le decisioni – comunque la classifica dobbiamo guardarla ben poco: la partita la giochiamo contro il Viareggio, e sento che le nostre possibilitá di fare la corsa anche sul Foligno possono aumentare”. Al Foligno è stata inflitta la penalizzazione di un solo punto perché per un altra situazione per la quale la societá umbra era accusata essa era stata giá punita in precedenza (mancato pagamento alla seconda scadenza dell’Enpals e dell’Irpef).

La Cavese deve vincere con il Viareggio, è logico, ma si troverá comunque senza un forte sostegno del suo pubblico ad affrontare un ambiente che presumibilmente sará ostile ai colori biancoblù. Anche ieri la prefettura di Lucca non ha dato risposta alla richiesta della societá di far disputare (in via eccezionale) la partita con entrambe le tifoserie senza limitazioni. I soli che domani potrebbero entrare nel settore ospiti sarebbero i sostenitori della Cavese in possesso della tessera del tifoso, che sulla carta sarebbero poco meno di settanta, anche se nelle trasferte indicate tra quelle ad alto rischio, sono sempre stati pochissimi i tifosi metelliani che hanno risposto regolarmente. Inoltre l’Osservatorio ha deciso, per Cavese-Benevento del prossimo 17 aprile, di autorizzare la vendita dei biglietti del settore ospiti solo ai possessori della tessera, e di permettere l’acquisto dei tagliandi solo ai residenti in provincia di Salerno. Insomma, continuano le restrizioni, da parte delle autoritá competenti, per evitare qualsiasi di problema di ordine pubblico.

visita il mio blog

http://calcionapoli.positanonews.it

 

Lascia una risposta