Rinnovamento Amalfitano

0

Domenica 3 aprile si è svolta una partecipata assemblea pubblica organizzata dal comitato promotore per il “RINNOVAMENTO AMALFITANO”, sostenuto dall’Italia dei Valori, con il proprio coordinatore Francesco Dipino e da Stanislao Balzamo, rappresentante e portavoce della sinistra amalfitana.  Hanno partecipato circa un centinaio di persone, che hanno occupato tutti i posti a sedere del Salone Morelli, sede del Consiglio Comunale di Amalfi, oltre alla presenza attiva di Carlo Guadagno, Consigliere Provinciale dell’Italia dei Valori.

L’obiettivo dell’appuntamento politico, in vista delle prossime elezioni amministrative del 15-16 maggio, è stato di presentare alla cittadinanza il programma elettorale e avviare, per la prima volta, un dibattito pubblico in merito ad alleanze e schieramenti. Su questo tema si è consumato l’ennesimo strappo. Dopo i saluti del Consigliere Guadagno, la discussione si è spostata sull’analisi degli ultimi 5 anni di amministrazione e sul sostanziale fallimento di Progetto Amalfi, con la complicità silente di un opposizione evanescente. La naturale conseguenza, secondo Dipino e Balzamo, “è la rottura col passato, in particolare con gli uomini di Progetto Amalfi che hanno mantenuto, loro malgrado, il passo al Sindaco De Luca che continua a condizionare la vita politica e sociale della città”.

Successivamente la discussione si è incentrata sui programmi. Materia ostica per gli schieramenti fino ad oggi in campo che, a parte qualche volantino con linee programmatiche tradizionali,  hanno prodotto esclusivamente il solito valzer di nomi, basato su meri calcoli numerici.

Dipino ha presentato una parte di un suo personale studio riguardo ai flussi turistici e, soprattutto, alle modalità di prolungamento della stagione lavorativa. Ed è proprio su questo che il gruppo promotore dell’appuntamento concentra la propria forza, ossia la consapevolezza di avere preparato un dettagliato programma che dalle politiche abitative a quelle sociali, dalla cultura alla comunicazione e alla partecipazione, analizza e propone soluzioni reali e concrete, mettendo al centro l’interesse del cittadino amalfitano, ampiamente inteso. A partire da giovani, donne, cittadini delle frazioni, con l’unico obiettivo di rendere la nostra Amalfi vivibile per tutto l’anno, con una crescita occupazionale che tende ad eliminare la dipendenza dal sussidio di disoccupazione, a dare dignità ai lavoratori e soprattutto, a garantire loro una vera pensione . Come? A partire da un nuovo Piano di Sviluppo Turistico con l’istituzione di un “Convention Bureau Costa d’Amalfi”, una struttura a partecipazione pubblico-privata di recente affermazione in Italia che si occupa prevalentemente dello sviluppo del mercato congressuale e della promozione della destinazione turistica.

A conclusione i rappresentanti Dipino e Balzamo, insieme al consigliere Guadagno, hanno sottolineato la necessità di dare vita a uno schieramento ampio, di centrosinistra, ma soprattutto composto da persone non compromesse con la deludente gestione dell’ultimo De Luca. Ove ciò non fosse possibile, a causa di pressioni di vecchi soggetti della politica cittadina, ma anche per la mancanza di chiarezza del candidato Sindaco Del Pizzo, è chiaramente emersa la volontà di continuare nella definizione di un nuovo schieramento, giovane, con una forte presenza femminile, di centrosinistra.

Rinnovamento Amalfitano

Lascia una risposta