Salerno, salumiere arrestato per violenza sessuale su una disabile

0

SALERNO – Costretta da una fidata amica di famiglia a fare sesso orale e poi a «concedersi» ad un uomo ultrasessantenne. La passeggiata a Salerno per una ventenne avellinese , affetta da un ritardo mentale, diventa un incubo: picchiata e violentata, la ragazza è stata salvata dall’intervento di una coppia che, passeggiando sul Lungomare, ha notato quanto stava accadendo in spiaggia e ha subito chiesto l’intervento della polizia.

Un salumiere in pensione di 67 anni, di Benevento, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. Una donna di Avellino, di 51 anni, è stata invece denunciata a piede libero per concorso in violenza sessuale. Tutto è accaduto sulla spiaggia di Torrione, nei pressi de La Carnale, tra le 16 e le 17 di ieri pomeriggio. Quando i poliziotti sono giunti sul posto, l’uomo era sopra la ragazza, in spiaggia, noncurante del passeggio.

Avvisato dalla 51enne dell’arrivo di una pattuglia, si è tirato su i pantaloni e si è allontanato. La donna ha fatto alzare la ragazza e ha tentato anche lei di andare via. Ma i poliziotti li hanno bloccati e condotti tutti in caserma. Qui è stata proprio la giovane vittima a raccontare l’accaduto: spaventata ma inconsapevole di ciò che i due mostri le avevano fatto. «Mi ha picchiata, mi ha picchiata», ha raccontato indicando la donna.

«Ha detto che dovevo fare delle cose con lui», ha aggiunto. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, pare che la 51enne e il 67enne si siano incontrati per caso in spiaggia. Avrebbero parlato a lungo. Poi la donna si sarebbe accordata con l’uomo per fargli avere un rapporto con la sua giovane amica. «Devi essere carina con lui e fare tutto ciò che ti chiede», le avrebbe detto. La ragazza, un corpo da donna ma la testa di una bambina, affascinata dal mare e contenta per la bella giornata in spiaggia, si sarebbe in un primo momento rifiutata.

Così la 51enne, dopo aver urlato con lei, l’avrebbe anche picchiata. È stato proprio questo ad attrarre l’attenzione dei passanti. La giovane, in lacrime, per paura di prendere altre botte si è avvicinata all’anziano e ha fatto ciò che lui le chiedeva. Resta anche da capire come mai quell’uomo di 68 anni, fosse venuto da solo da Benevento. E come mai si trovava proprio su quella spiaggia.

di Petronilla Carillo Il Mattino di Napoli

proposto da Michele Pappacoda