SORRENTO, GESTIONE DELL´ARENILE ALL´INTERNO DEL PORTO: L´IDV CHIEDE CHIAREZZA SULLE PROCEDURE.

0

OGGETTO: MANCATA RISPOSTA A SEGNALAZIONE IDV SU TRATTO DI ARENILE UBICATO IN LOCALITA’ MARINA PICCOLA (PORTO DI SORRENTO) ORIGINARIAMENTE DESTINATO A SCALO DI ALAGGIO – DECISIONE DEL COMUNE DI SORRENTO DI DESTINARNE IL 20% AD USO TURISTICO/RICREATIVO – NECESSITA’ DI ATTO D’INDIRIZZO PER LA GESTIONE E L’AFFIDAMENTO A SOGGETTI PRIVATI.

 

Si ritiene opportuno segnalare al Comune di Sorrento, in persona del sindaco, dell’assessore al Demanio, della Giunta Municipale nonché del dirigente competente, tutti indicati in epigrafe, la seguente situazione relativa alle modalità di gestione e affidamento a soggetti privati (società, associazioni, consorzi, enti, etc.) dell’arenile sito all’interno del porto di Sorrento e prospiciente il complesso turistico “Hotel Vittoria”.

Premesso che:

a) il Comune di Sorrento è titolare di una concessione demaniale marittima (n.114/10) rilasciata dalla Regione Campania, con validità sino al 31 dicembre 2013, relativa all’arenile in oggetto (per una superficie di mq. 1.136,36) esclusivamente per l’alaggio, il varo e tiro a secco di unità navali,

b) la Giunta Municipale del Comune di Sorrento ha adottato in data 23 settembre 2010 la delibera n. 139, avente il seguente titolo “Tratto di arenile ubicato in Marina Piccola, concessione demaniale marittima n. 13/06 – Variazione al contenuto della concessione – Atto di indirizzo”;

c) in data 11 novembre 2010 (Prot. n. 40.079) il partito “Di Pietro-Italia dei Valori”, sezione di Sorrento, ha inoltrato a detto Comune segnalazione relativa a “Tratto di arenile ubicato in località Marina Piccola (Porto di Sorrento), destinato a scalo di alaggio – Richiesta di chiarimenti su situazione concessoria attuale ed intenzioni future da parte del Comune di Sorrento”, che è stata pubblicata sui quotidiani e siti di informazione locali; 

d) l’autorità comunale non ha assolutamente fornito risposta né allo scrivente partito né a tutti i cittadini, ormai a conoscenza della vicenda, visto il risalto ad essa dato dagli organi di stampa; 

e) il Comune di Sorrento ha invece ritenuto opportuno, dopo appena 22 giorni dalla segnalazione dell’Idv (segnatamente il 3 dicembre 2010), inviare nota (Prot. n. 0970933) al Settore Demanio della Regione Campania avente ad oggetto la variazione della propria concessione demaniale marittima n. 114/10 allo scopo di “procedere alla riqualificazione dell’arenile a fini turistico-ricreativi anche mediante il posizionamento nel periodo dal 1° aprile al 31 ottobre, di strutture lignee smontabili ed il ricorso all’affidamento temporaneo a terzi delle attività oggetto della concessione ai sensi dell’art. 45bis Cod. Nav.”, per una superficie pari al 20% dell’intera area e per una superficie quindi di mq. 227; la richiesta è stata pubblicata sul sito ufficiale del Comune di Sorrento (http://www.comune.sorrento.na.it), sezione Albo pretorio on line, data 10 febbraio 2011 (Prot. 5.049);

f) a tutt’oggi non è dato conoscere se è stata rilasciata autorizzazione dalla Regione Campania.

Precisato che:

g) nel caso in cui la Regione Campania avesse fornito (o fornirà) positivo riscontro, le modalità con le quali il Comune di Sorrento intende affidare la gestione della porzione di arenile in parola è quella prevista dall’articolo 45-bis del Codice della Navigazione, titolato “Affidamento ad altri soggetti delle attività oggetto della concessione”, che recita testualmente “Il concessionario, in casi eccezionali e per periodi determinati, previa autorizzazione dell’ autorità competente, può affidare ad altri soggetti la gestione delle attività secondarie nell’ ambito della concessione”;

h) lo stesso Ente Comunale, nel periodo di governo della precedente amministrazione, aveva però approvato la Delibera di Giunta n. 8 del 6 febbraio 2009, nel quale veniva stabilito che “in vista dell’esigenza primaria di assicurare alla collettività idonei spazi quantitativi e qualitativi per poter liberamente fruire della balneazione, non saranno rilasciate, fino a nuove disposizioni, nuove concessioni per occupazione degli arenili demaniali liberi”.

Ritenuto che:

i) l’eventuale affidamento di detta porzione di arenile, o parti di essa, a soggetti privati ai sensi dell’art. 45 bis Cod. Nav, risulta in palese contrasto al divieto di cui alla menzionata D.G.M. n.8/2009, nonché evidentemente elusivo dello stesso, come testualmente sancito in ipotesi del tutto similare dalla sentenza della Settima Sezione del T.A.R. Campania emessa in data 9 dicembre 2010 (n. 00602/2011 Reg.Prov.Coll., n. 02701/2008 Reg.Ric., n. 05604/2009 Reg.Ric., relativa al territorio comunale di Massa Lubrense);

l) il rischio di contenzioso amministrativo a carico del Comune di Sorrento è molto elevato in ragione delle numerose richieste di concessione demaniale da parte di cittadini, società, consorzi ed associazioni, tuttora bloccate o respinte a causa del menzionato divieto di rilascio di nuove concessioni;

m) in detta situazione si palesa un evidente disparità di trattamento tra cittadini in base alla sola zona di residenza, di titolarità di beni immobili ovvero di esercizio di attività commerciale, come evidenziato dalla menzionata sentenza.

Tanto premesso, esposto ed enunciato,

chiedo

formalmente agli Organi ed Uffici indicati in epigrafe,

per quanto di rispettiva spettanza e competenza di:

1) conoscere se allo stato attuale la Regione Campania ha proceduto ad autorizzare il Comune di Sorrento a quanto dallo stesso richiesto con nota del 3 dicembre 2010,  Prot. n. 0970933;

2) rendere conoscibile questo dato da parte di tutti i cittadini mediante pubblicazione, nelle modalità ritenute più opportune, il tutto in esecuzione della trasparenza cui deve essere improntata l’attività della Pubblica Amministrazione;

3) adottare atto di indirizzo politico, mediante Delibera di Giunta Municipale, con il quale vengano chiarite le modalità di affidamento a soggetti privati della porzione di arenile in oggetto all’interno del porto di Sorrento, in relazione ai seguenti profili:

parità di trattamento tra i cittadini da parte dell’Amministrazione Comunale,

trasparenza e pubblicità nelle procedure di affidamento,

rispetto del divieto di rilascio di nuove concessioni demaniali, già stabilito dalla Delibera di Giunta Municipale n. 8 del 6 febbraio 2009.

 

In attesa di Vostro pronto riscontro, nell’interesse e per la tutela di tutti i cittadini,

       porgo Distinti saluti.

 

Sorrento (NA), 31 marzo 2011.

 

                                  Avv. Giovanni Antonetti

     Partito “Di Pietro-Italia dei Valori”, sezione di Sorrento