EBOLI: INVESTITA MENTRE ATTRAVERSA SULLE STRISCE. 17ENNE IN COMA

0

Investita sotto casa sulle strisce pedonali, mentre va a scuola. Una studentessa del liceo classico è ricoverata in fin di vita all’ospedale di Eboli. L’incidente è avvenuto ieri mattina, in via Giovanni XXIII. Filomena, 17 anni, era appena uscita di casa, erano le otto di mattina. Varcato il cancello del parco Olimpia, la studentessa è scesa dal marciapiede e ha attraversato la strada del rione Paterno. Un automobilista alla guida di un’Alfa 156 rossa non si è accorto di lei. L’impatto è stato violentissimo. L’operaio edile, distratto forse da un’altra auto, ha travolto la giovane studentessa. Filomena è finita a terra, riportando traumi gravi alla testa, al braccio e alla gamba destra. Molte le lesioni anche al viso. La giovane è rimasta a terra per diversi minuti. «L’ambulanza ha impiegato un bel po’ ad arrivare” racconta Antonietta, la salumiera del rione. Un’infermiera dell’ospedale aggiunge: «Ho visto quella ragazza a terra, perdeva sangue. Mi sono avvicinata, ma non potevo soccorrerla». Bisognava attendere l’ambulanza del 118. Prima dell’Humanitas, è giunto un mezzo di soccorso di una croce privata. Era di passaggio. L’intervento non è stato autorizzato. I sanitari del 118 erano impegnati in un’altra prestazione. Appena liberi, sono giunti in via Giovanni XXIII. Filomena era sull’asfalto. Perdeva sangue dalla bocca e da un orecchio. Intorno a lei c’erano i carabinieri del nucleo operativo, con il capitano Alessandro Cisternino e il tenente Francesco Manna. In zona sono arrivati anche i vigili urbani, con il comandante Enzo Gallo e l’agente Walter Coiro. Adagiata nell’ambulanza, Filomena è stata trasferita subito al pronto soccorso. Ad attenderla, oltre ai medici di guardia Natalino Cuomo e Giuseppe Scoti, c’era anche l’equipe della rianimazione, coordinata dal primario Giuliano Colasante. Sala operatoria, sala tac, poi il ricovero in rianimazione. La studentessa è stata intubata, tutt’ora è in coma. In ospedale sono giunti i genitori, il padre Raffaele, noto barbiere ebolitano, e la madre Romina. Filomena ha anche una sorella più piccola, di sette anni. La famiglia della giovane studentessa vive al rione Paterno, nel parco Olimpia. In ospedale sono giunte anche le insegnanti del liceo classico e molti compagni di scuola di Filomena, iscritta al quarto anno. La notizia dell’incidente ha sconvolto il quartiere Paterno e il rione Pezza Paciana, dove il padre di Filomena ha un salone per uomo. Il negozio è a pochi metri dal tribunale di Eboli. Ieri pomeriggio alle tre, la giovane studentessa è stata sottoposta a una seconda tac. Per ora i sanitari escludono un intervento neurochirurgico. La prognosi è riservata.

Il Mattino di Napoli

scelto da Michele Pappacoda