3 slavi albanesi pericolosissimi assassini evasi dal carcere di voghera

0

Nel primo pomeriggio di ieri tre detenuti di nazionalità albanese sono evasi dal carcere di Voghera, in provincia di Pavia. L’evasione è avvenuta dal cortile dei passeggi. «Questa tripla evasione certifica come il sistema penitenziario italiano non solo non è più in grado di assicurare dignità, umanità e civiltà – spiega Eugenio Sarno, segretario generale della Uil penitenziari – ma non è in grado di tutelare la sicurezza sociale. Evidentemente i nostri allarmi, rimasti inascoltati, erano più che fondati. Pur non volendo strumentalizzare quanto è accaduto a Voghera non possiamo non sottolineare le evidenti responsabilità di chi gestisce l’Amministrazione penitenziaria e a quelle ancor più evidenti del Ministro Alfano. In attesa che si realizzi il piano carceri e si dia corso alle annunciate assunzioni si continua a perpetrare una politica di prosciugamento degli organici di frontiera (istituti penitenziari) per destinare unità a non meglio precisati servizi presso i dorati palazzi del potere romano». «Questa evasione – prosegue Sarno – offende ed umilia l’intero Corpo di polizia penitenziaria, che non dispone dei mezzi, delle risorse e degli organici necessari per contrastare l’illegalità ed è costretta ad assistere impotente alla protervia e alla violenza criminale come dimostrano le tante aggressioni e i 35 colleghi feriti nel corso di questo 2011. A questo punto non possiamo non auspicare un ravvedimento del Capo del Dap e del ministro Alfano rispetto alla necessità di confrontarsi con le organizzazioni sindacali».