RUBY, IRIS: "AD ARCORE PER AVERE UN PO´ DI SOLDI" FOTO

0

MILANO – Trascorrere l’intera notte ad Arcore non «per lui…per la gloria» ma nella «speranza» di ricevere «qualcosina». Fanno i loro ‘contì le ragazze ospiti alla serate a Villa San Martino e per ottenere maggiori ricompense sembrano disposte a fermarsi fino alla mattina dopo. E chi fa i conti, in questo caso, è la modella brasiliana Iris Berardi al telefono con Imma De Vivo, una delle gemelle napoletane che hanno partecipato all’Isola dei Famosi. È quanto emerge in una delle molte intercettazioni agli atti dell’inchiesta sul caso Ruby in cui le giovani si lamentano di non aver ricevuto abbastanza soldi e, per ‘rastrellarè il più possibile, pensano di fermarsi nella residenza del premier. E cioè partecipare a quella che i pm di Milano – nell’avviso di conclusione delle indagini notificato ieri a Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede, accusati di induzione e favoreggiamento della prostituzione – definiscono la «terza fase» delle serate. Fase che, per gli inquirenti, sarebbe seguita alla semplice cena e agli spettacoli hard chiamati «bunga bunga», e che consisteva «nella scelta, da parte di Silvio Berlusconi, di una o più ragazze con cui intrattenersi per la notte in rapporti intimi». Alle prescelte, secondo l’inchiesta, «venivano erogate somme di denaro» maggiori «rispetto a quelle consegnate alle altre partecipanti».

E così, infatti, la giovane Iris, lo scorso 23 settembre, in vista di una festa organizzata due giorni dopo, conversando con Imma De Vivo, dice: «Non mi volevo fermar lì per lui.. per la gloria cioè… mi fermavo lì nella speranza che mi dai qualcosina». Le due ragazze, in pratica, non sembrano soddisfatte di come sono andate le cose in una cena precedente, perchè non avrebbero ricevuto i soldi che volevano. «Sì sì sì – si lamenta la De Vivo – perchè dopo l’esperienza dell’ultima volta… è indifferente se ti fermi o meno…». E non sono le uniche a manifestare la loro insoddisfazione. Le due ricordano anche una ‘confidenzà ricevuta da Aris Espinosa, la quale, non contenta della ‘ricompensà, avrebbe detto al premier: «ma questi sono solo per le spese e per lo shopping». Le due ragazze, poi, non risparmiano nemmeno qualche pesante commento, convinte che Berlusconi stia cercando di allontanare alcune di loro perchè sono in troppe: gli inquirenti milanesi, infatti, nell’indagine appena chiusa ne hanno contate 33, Ruby compresa. «’Si comporta come un bambino…cioè praticamente fa questi giochini loschi», commenta ancora la show girl napoletana. E la Berardi rincara la dose: «È proprio un pezzente». E sul comportamento del Presidente del Consiglio la De Vivo ha una teoria: «Devi sapere che lui ci mette sempre alla prova…lui vorrebbe che qualcuna sbagliasse così ti fa fuori (…) vuole mandar via un pò di gente». Comunque, come emerge in un’altra intercettazione, sempre dello scorso settembre, Barbara Faggioli sostiene che la possibilità di trascorrere la notte ad Arcore «dipende da lui se è nella facoltà e tutto…». Intanto, oggi, alcuni dei legali dei tre indagati nel filone parallelo dell’inchiesta per cui il prossimo 6 aprile si aprirà il processo per il premier, accusato di concussione e prostituzione minorile, hanno ritirato gli atti copiati dalla Procura su supporti informatici, nei quali, accanto ad alcune nuove carte, ci sono molti dei documenti già depositati insieme alla richiesta di giudizio immediato per il premier. Ora le difese stanno cominciando a studiare gli atti in vista della strategia difensiva. E se Emilio Fede, tramite i suoi legali, ha fatto sapere che intende farsi interrogare per chiarire e dimostrare «l’infondatezza delle accuse», l’avvocato Daria Pesce, difensore della Minetti, ha dichiarato: «Vogliamo prima leggere gli atti e poi valuteremo». Inoltre l’avvocato sull’ipotesi di un eventuale patteggiamento ha ribadito: «Io di solito sono contraria».

BERLUSCONI: “MI PERSEGUITANO PER LE CENE, ASSURDO” Mi perseguitano da anni e ora vogliono condannarmi per delle cene, vi rendete conto, è assurdo. Con queste parole, riferite da alcuni presenti, Silvio Berlusconi si sarebbe sfogato per l’inchiesta sul ‘Rubygate’ nel corso dell’Ufficio di presidenza del Pdl.

fonte:leggo   scelto da michele de lucia

Lascia una risposta